le notizie che fanno testo, dal 2010

Nadal accusa Federer, poi si pente: "Dovevo parlare solo con lui"

"Mi dispiace avere detto quelle cose, avrei dovuto parlare personalmente con lui", ha confessato Rafael Nadal riguardo le parole della vigilia degli Australian Open rivolte a Roger Federer. Lo spagnolo aveva accusato il tennista svizzero di non prendere posizione riguardo il futuro del tennis, che porta i giocatori ad impegni sempre più fitti e ravvicinati.

Destinati a incontrarsi in semifinale degli Australian Open 2012, Rafael Nadal e Roger Federer cominciano la loro sfida fuori dal campo. Per lo più ci pensa lo spagnolo, che mette in risalto le differenze caratteriali dei due campioni, rispettivamente n. 2 e n. 3 al mondo. Dopo aver accusato lo svizzero di non prendere una posizione nella disputa in corso fra i tennisti e i responsabili del circuito Atp riguardo il futuro del tennis, Nadal fa marcia indietro scusandosi delle parole rivolte direttamente alla stampa: "Mi dispiace avere detto quelle cose, specie davanti alla stampa. Avrei dovuto parlare personalmente con lui", ha confessato il 25enne spagnolo. Nadal, sostenuto da altri top player, aveva espresso il suo disappunto soprattutto sui troppi impegni ravvicinati che hanno creato numerosi infortuni. La questione aveva portato avanti addirittura l'idea di uno sciopero, sul quale Federer non si è mai espresso. Nadal lo ha così accusato di essere un "gentleman" che vede tutto positivo e lascia decidere agli altri, a differenza del pensiero del più "focoso" spagnolo. Il dialogo tra i due, però, non c'è mai stato e Nadal ammette di aver fatto un errore a riguardo. In attesa di una risposta di Federer, l'Australian Open continua e, se tutto andrà come previsto, l'incontro tra i due potrebbe avvenire in campo. E le scintille non mancheranno.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# marcia# sciopero