le notizie che fanno testo, dal 2010

Italia torna in Davis dopo 11 anni, pescata la Repubblica Ceca

Gli azzurri di Starace, Fogni e Bolelli tornano ai massimi livelli di Coppa Davis e lo farà il 10 febbraio 2012 contro la Repubblica Ceca, estratta come avversaria dell'Italia dal sorteggio di Bankok, in Thailandia. Il capitano Barazzutti: "E' un avversario difficile, ma andremo lì per vincere".

Il 10 febbraio 2012, dopo 11 anni di attesa, l'Italia del tennis tornerà a giocare la massima serie nel gruppo mondiale della Coppa Davis. E lo farà contro un'avversaria non facile, ovvero la Repubblica Ceca. Questo ha decretato il sorteggio svoltosi a Bankok, in Thailandia, oltre a precisare che gli azzurri se la dovranno giocare in trasferta. Il passato non è di certo favorevole alla squadra di Barazzutti, che vede i cechi condurre per 7 vittorie contro le 3 dell'Italia. E' anche vero, però, che il sorteggio poteva essere ancora più amaro e la Repubblica Ceca non è stato il peggiore dei mali. E' convinto di questo anche il capitano Corrado Barazzutti: "E' un avversario difficile. Sarà una trasferta molto dura, ma noi in Repubblica Ceca andremo per vincere. Sicuramente non partiamo battuti, poi se i nostri avversari saranno più bravi allora avranno meritato di superare il turno". Poi Barazzutti si lascia andare ad un analisi sugli avversari, che "possono contare su ottimi giocatori, a partire da Berdych, un top ten, ma noi anche in Cile abbiamo dimostrato di essere un team vero, di aver raggiunto la consapevolezza di essere forti. Siamo una squadra difficile per chiunque. Andremo in Repubblica Ceca con giocatori maturati che hanno preso coscienza di potersi esprimere bene su tutte le superfici". Barazzutti pensa, naturalmente, a "Starace, un vero uomo Davis" ma anche a "Fognini e Bolelli che hanno ancora grandi margini di miglioramento", oltre che a "due delle coppie più forti del mondo in doppio". "Insomma - conclude il capitano - ora abbiamo tante opzioni tutte competitive".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: