le notizie che fanno testo, dal 2010

Sanremo: televoto senza call center? Non ancora

Nuove regole per il televoto, comunica l'Agcom, tra cui "l'esclusione dei voti provenienti da centralini, call center" e "i nuovi limiti di 5 e 10 voti dalla stessa utenza". Qualcuno si domanda se saranno applicate anche al prossimo Festival di Sanremo, ma il tempo stringe.

L'Agcom stabilisce le "nuove e chiare regole applicabili a tutti i servizi di televoto utilizzati nel corso di trasmissioni radiotelevisive" proprio per "assicurare agli utenti più trasparenza sul complessivo funzionamento del servizio e soprattutto sulla sua affidabilità". Negli anni passati sono state molte le polemiche riguardo le votazioni col televoto, non ultima la rimostranza degli orchestrali del Festival di Sanremo dell'anno scorso (quello condotto da Antonella Clerici) che protestarono amareggiati per l'esclusione nella fase finale del concorso di Malika Ayane. I tre finalisti di Sanremo 2010 furono infatti, in ordine di classifica, Marco Mengoni, il principe Emanuele Filiberto di Savoia in coppia con Pupo e Valerio Scanu. Tra le nuove regole del televoto, quindi, figurano due particolarmente rilevanti per il pubblico televisivo e cioè: "l'esclusione dei voti provenienti da centralini, call center o comunque da sistemi ripetitivi di invio, che alterano l'effettiva rilevazione delle preferenze espresse" e "i nuovi limiti di 5 e 10 voti dalla stessa utenza, a seconda della durata della sessione di voto, con un massimo di 50 voti settimanali".
In molti, a questo punto, leggendo il comunicato dell'Agcom, avranno pensato che le nuove norme sul televoto sarebbero state immediatamente applicate anche al Festival di Sanremo che sta per iniziare. Probabilmente a Sanremo tutto è sempre stato molto trasparente ma si sa che il dubbio può essere facilmente sollevato dai più maliziosi. In fondo alla nota, però, si può leggere che "gli interventi tecnici da realizzare sui sistemi per escludere i call center e gli invii automatizzati dei voti dovranno essere conclusi entro l'anno" e visto che Sanremo partirà il prossimo 15 febbraio forse non si riuscirà ad applicare la nuova normativa in occasione del Festival. L'Agcom sottolinea comunque, rassicurando i malpensanti, che "per gli eventi di particolare rilevanza, l'Autorità ha previsto la presenza alle operazioni di televoto di un rappresentante dei consumatori e utenti designato dal Consiglio nazionale utenti e ha infine predisposto una serie di strumenti di verifica e controllo, che permetteranno, tra l'altro, di rettificare o annullare risultati falsati, dandone idonea pubblicità".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: