le notizie che fanno testo, dal 2010

Milano: scoperto garage con circa 100 chili di droga pronto per lo spaccio

"Arresto in flagranza di 2 uomini, rispettivamente di 33 e 44 anni, irregolarmente presenti sul territorio nazionale e già noti alla giustizia per lo spaccio di stupefacenti, e di una ragazza di 25, tutti di origini marocchine", espongono in una nota i militi.

"Questo il risultato dell'operazione antidroga condotta il 24 aprile scorso dai Carabinieri del Comando Provinciale di Milano - riferisce in una nota l'Arma -, nel capoluogo e a Cologno Monzese. L'attività ha portato all'arresto in flagranza di 2 uomini, rispettivamente di 33 e 44 anni, irregolarmente presenti sul territorio nazionale e già noti alla giustizia per lo spaccio di stupefacenti, e di una ragazza di 25, tutti di origini marocchine."
I Carabinieri evidenziano quindi: "Le indagini sono iniziate quando alcuni cittadini hanno segnalato che una strada periferica di Cologno Monzese era divenuta ritrovo abituale di alcuni stranieri nordafricani, osservati mentre trafficavano sempre attorno alla medesima utilitaria. Al termine di mirati servizi di osservazione e controllo a distanza, i tre sono stati bloccati a Milano, in zona 'Cimiano', mentre a bordo di altre due vetture si allontanavano da un box condominiale, di cui avevano la disponibilità."
"L'immediata perquisizione dei veicoli ha portato al rinvenimento di 2,5 chili di hashish - viene osservato inoltre dalla Benemerita -, suddiviso in panetti ed ovuli, nonché della somma di oltre 400 euro in contanti. L'ispezione del garage ha poi consentito il rinvenimento di un furgone Fiat Scudo, all'interno del quale sono stati rinvenuti altri 90 chili della medesima droga, custoditi all'interno di borse e valigie. Contemporaneamente i controlli sono stati estesi anche all'utilitaria parcheggiata a Cologno Monzese, rinvenendo oltre 7,5 chili di hashish e 40 grammi di cocaina nel bagagliaio dell'auto, e presso le abitazioni degli arrestati, a Pioltello, sequestrando ulteriori 850 grammi di cocaina, nonché la somma di 7.000 euro in contanti, ritenuti provento dell'attività di spaccio."
Si continua infine: "Secondo la ricostruzione degli investigatori della Compagnia di Sesto San Giovanni, il furgone serviva come deposito dello stupefacente, dal quale i pusher prelevavano i quantitativi destinati allo 'smercio', mentre l'utilitaria di Cologno Monzese costituiva un nascondiglio temporaneo, in attesa dei compratori. I Carabinieri procedono ora con accertamenti in merito alla provenienza della droga e alla rete degli assuntori."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: