le notizie che fanno testo, dal 2010

Yuri Gagarin torna in orbita, ora è sull'ISS da Paolo Nespoli

Yuri Gagarin è il primo uomo che andò nello spazio e in Russia oggi è festa grande. Ma anche sull'ISS si celebra un grande avvenimento: la Soyuz TMA-21 battezzata "Yuri Gagarin" che porta la sua effige è saltamente attraccata alla ISS.

Yuri Gagarin è di nuovo nello Spazio ed è arrivato, seppur con leggero anticipo sul cinquantennale del suo primo volo, sulla Stazione Spaziale Interazionale (ISS). Non è una nuova puntata in bianco e nero de "Ai confini della realtà" scritta magari dalla penna magica di Rod Serling, ma la parte "russa" delle celebrazioni che hanno riportato l'Eroe dell'Unione Sovietica nello Spazio. Yuri Gagarin proprio il 12 aprile del 1961, a 27 anni, fu il primo uomo a volare nello Spazio e a compiere in 108 minuti un'orbita ellittica attorno al nostro pianeta. Per ricordare l'evento e la tecnologia sovietica che permette agli astronauti di raggiungere la ISS (tra poco, dopo il pensionamento degli Shuttle sarà solamente la Russia a poter effettuare voli con equipaggio umano) la Soyuz TMA-21 battezzata "Yuri Gagarin" in onore del cosmonauta è partita dal cosmodromo di Baikonur il 5 aprile per raggiungere felicemente la ISS il 7 aprile. La "Yuri Gagarin" ha portato sulla ISS gli astronauti russi Alexander Samokutyaeva e Andrei Borisenko e il cosmonauta NASA Ronald Garan. La missione non è stata molto seguita dai media, ma vedere l'icona di Gagarin dipinta sulla Soyuz è stato, per tutti gli appassionati, una vera e propria emozione. Su Youtube la partenza in HD (Soyuz TMA-21 Launches to the ISS in the 50th anniversay of Gagarin's Spaceflight youtube.com/watch?v=olwUi96Y47w). Paolo Nespoli ha ricordato il coraggio di Yuri Gagarin affermando che "ancora oggi andare nello Spazio è un'impresa, ma allora significava andare verso l'ignoto, dove non era mai andato nessuno". "Deve essere stata una sensazione molto forte e intensa - ha aggiunto Nespoli dall'ISS - sicuramente Gagarin ha aperto una nuova pagina di storia e dobbiamo rendergli omaggio".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: