le notizie che fanno testo, dal 2010

Occhio in provetta da staminali dal Giappone. E' "self-made eye"

L'occhio in provetta è stato "fabbricato" in Giappone dai laboratori RIKEN. E' il primo "self-made eye" come lo definiscono i ricercatori, e proprio un occhio, almeno per i profani, non sembra. Per ora è un "calice ottico", ma il futuro è la creazione di "retine" nuove di zecca. Anzi, di provetta.

Sembra che i laboratori giapponesi del centro di ricerca RIKEN abbiano creato il primo "self-made eye", ovvero il primo "occhio" costruito da sé. In pratica grazie ad uno speciale "brodo di coltura" gli scienziati giapponesi capitanati da Yoshiki Sasai sono riusciti a creare, partendo da cellule embrionali di topo, un "calice ottico", ovvero un "precursore dell'occhio" che si sarebbe formato semplicemente "da solo", senza cioè alcuna "impalcatura" biologica fornita dagli scienziati. La scoperta è in copertina su Nature (Stem cells make 'retina in a dish' http://is.gd/wbMPp8) e potrebbe portare ad una vera e propria rivoluzione nel campo dei trapianti, dato che in futuro potrebbero essere ricostruite intere "retine" dalle cellule staminali senza intervenire con un trapianto di cellule come si fa oggi. C'è anche chi prevede la costruzione di interi "bulbi oculari" proprio come in Blade Runner, ma la strada, avvertono gli scienziati, è ancora molto lunga, soprattutto perché, come ammette Yoshiki Sasai, non "è ancora chiaro il meccanismo di coordinamento delle cellule" che ha portato al risultato, ovvero quale sia il resposabile della "regia miracolosa" che ha reso possibile la costruzione di questo "calice ottico".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: