le notizie che fanno testo, dal 2010

Metodo Stamina bocciato dal Comitato. Lorenzin: ora abolire decreto Balduzzi

Il secondo Comitato scientifico nominato dal ministero della Salute boccia il metodo Stamina. Per Beatrice Lorenzin, quindi, la vicenda del metodo Stamina, dal "punto di vista sanitario e scientifico, è chiusa", ed auspica anche la "soppressione del decreto Balduzzi", che ha aperto la strada all'uso compassionevole delle staminali mesenchimali.

Il secondo Comitato scientifico nominato dal ministero della Salute per valutare la possibilità di avviare uno studio clinico sul metodo Stamina conclude affermando che per la cura ideata da Davide Vannoni "non ci sono i presupposti per una sperimentazione". Il Comitato ha raggiunto tale parere all'unanimità, condividendo quindi le conclusioni del primo Comitato, in seguito bocciato dal Tar del Lazio. Già da alcune settimane sulla credibilità del metodo Stamina pesavano inoltre le accuse (tra cui truffa e associazione a delinquere) che la Procura di Torino ha rivolto a Vannoni e alcuni suoi collaboratori, tra cui il pediatra Marino Andolina. Il Comitato scientifico del Ministero della Salute ha chiuso quindi definitivamente le porte (e la speranza) a quelle famiglie che attendevano, anche attraverso alcune sentenze dei tribunali, di poter accedere al metodo Stamina con le mesanchimali, le cellule staminali del midollo osseo. Per gli scienziati, infatti, non ci sarebbe alcuna prova sulla capacità di queste staminali di trasformarsi, una volta infuse nei pazienti, in cellule nervose e di conseguenza ripristinare i tessuti degenerati a causa di malattie di varia natura. In seguito alla bocciatura del metodo Stamina, il ministro della Salute Beatrice Lorenzin annuncia che la via da seguire ora "è quella della soppressione del decreto Balduzzi", che ha aperto la strada all'uso compassionevole delle staminali mesenchimali. Per la Lorenzin, infatti la vicenda del metodo Stamina, dal "punto di vista sanitario e scientifico, è chiusa". Diverso il parere di Davide Vannoni, che annuncia un ricorso al Tar.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: