le notizie che fanno testo, dal 2010

Spreco a tavola: si butta ciò che sfamerebbe 44mln di persone

Distruggiamo oltre 580 milioni di pasti da alimenti "scartati" e il nostro distratto buttare cibo dal piatto potrebbe sfamare 44,6 milioni di persone. Un dossier shock di Last Minute Market per scuotere le anime tiepide.

Chi butta il cibo nella spazzatura, chi lascia marcire la roba in frigo, chi non sa conservare i prodotti, chi semplicemente si stufa e non "lo mangia più" buttandolo nell'"umido" (sentendosi la coscienza a posto per aver fatto la raccolta differenziata) si senta in colpa e cambi atteggiamento verso il cibo che spreca.
Leggendo i dati pubblicati sul "Libro nero sullo spreco alimentare in Italia" il dossier sugli sprechi, a cura di Andrea Segrè e Luca Falasconi di Last Minute Market (società spin-off dell'Università di Bologna che nasce nel 1998 come attività di ricerca) si rimane sbigottiti di quanto sia ignorante e sprecona l'Italietta del bunga bunga. Dal campo e dal mattatoio, per tutta la filiera commerciale, sino al piatto dei nonni mannari amanti del bunga, lo spreco e l'offesa per chi muore di fame è sconcertante.
Forse serve ancora qualche dato in più per farsi schifo: sommato tutto il cibo che si butta nella pattumiera si potrebbero sfamare almeno 44,5 milioni di persone (un'altra Spagna, gran parte dell'Italia) e fatti i conti nella pattumiera finisce oltre il 3 per cento del nostro PIL, il Prodotto Interno Lordo nel cui nome si fa morire di fame la gente (licenziandola, ad esempio).
Cifre scioccanti che devono farci davvero riflettere e cambiare visto che solamente la carne sprecata in Italia ogni anno è pari a oltre 244 mila tonnellate e oltre il 3 per cento della produzione agricola resta nei campi.
Un altro dato assurdo è il fatto che con gli alimenti "scartati" (ma perfettamente edibili) si potrebbero ricavare oltre 580 milioni di pasti in un anno.
Insomma un vero e proprio spreco alla faccia di chi questo Paese respinge alle frontiere o rinchiude nei CIE perché, in definitiva "c'è troppo da mangiare".
Chi volesse approfondire il tema, si faccia un bel giro su "Un pranzo contro lo spreco" (http://www.unannocontrolospreco.org/).

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: