le notizie che fanno testo, dal 2010

Sonda Rosetta: cometa "si addormenta" quando si avvicina al Sole

La camera ottica Osiris della sonda Rosetta ha rivelato che dopo un primo periodo di attività la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko mostra qualche piccolo segno di "sonnolenza". Rosetta svela per la prima volta l'evoluzione dell'attività di una cometa nel suo moto di avvicinamento al Sole.

L'obiettivo finale di Rosetta, la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, a quanto pare riserva più sorprese del previsto. Come riporta l'ASI (Agenzia Spaziale Italiana) La NAC di OSIRIS, la camera ottica a stretto angolo di vista, ha infatti rivelato che dopo un primo periodo di attività la cometa su cui dovrà atterrare la sonda Rosetta mostra qualche piccolo segno di ‘sonnolenza’, e cioè un leggero declino dell’attività, evidenziato dall’assenza di polveri che circondano il nucleo. Barbara Negri responsabile dell'unità Osservazione ed Esplorazione dell'Universo dell'Asi, spiega: "Le immagini ottenute durante il progressivo avvicinamento alla cometa dimostrano che la sonda Rosetta si sta comportando con grande affidabilità, a testimonianza dell'alto livello di progettazione della sonda e degli strumenti a bordo". Negri sottolinea: "L'immagine ottenuta dalla camera OSIRIS rivela per la prima volta, da così breve distanza, l'evoluzione dell'attività di una cometa nel suo moto di avvicinamento al Sole". Ci vorranno ancora alcune settimane prima che Rosetta riesca a scorgere una forma più dettagliata della cometa. "67P/C-G è quasi a portata di mano e ci insegna ad aspettarsi l'inaspettato, la polvere che riuscivamo a distinguere ad aprile e a metà maggio, non è più evidente, la cometa è attualmente a riposo" conferma anche Holger Sierks, PI di OSIRIS per l’Istituto Max Planck per la ricerca sul sistema solare.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: