le notizie che fanno testo, dal 2010

Boston, giocatori Pokemon non armati solo di carte: due arresti

Due potenziali concorrenti del World Championship di Pokemon per combattere gli avversari non hanno portato solo le carte da gioco ma anche un paio di fucili, decine di munizioni ed un grosso coltello da caccia. Per le "minacce lanciate attraverso i social network" i due sono tati arrestati.

Lo scorso giovedì centinaia di giocatori di Pokemon arrivati da ogni angolo del mondo sono cominciati ad giungere al Hynes Convention Center di Boston per l'annuale World Championship del popolare gioco. Ma non tutti hanno portato con sé solo le carte di Pokemon per combattere gli avversari. Due concorrenti di 18 e 27 anni avevano infatti deciso di partecipare al torneo di Pokemon anche con un paio di fucili, decine di munizioni ed un grosso coltello da caccia. Nella giornata di sabato, la polizia di Boston ha per fortuna arrestato i due giocatori per possesso illegale di arma da fuoco e di munizioni. Non sono ancora chiare le intenzioni dei due concorrenti, anche se c'è già chi assicura che l'intervento della polizia avrebbe evitato "una potenziale tragedia". La polizia sarebbe arrivata a perquisire l'auto dei due concorrenti, dove custodivano armi e munizioni, "a causa di varie minacce lanciate attraverso i social network" dai due concorrenti prima di dirigersi vero Boston per il torneo di Pokemon.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# armi# auto# Boston# caccia# social network