le notizie che fanno testo, dal 2010

Pianeta X: forse 2 pianeti come la Terra al confine del Sistema Solare

Forse il Pianeta X e il pianeta Nibiru dei Sumeri, descritto da Zecharia Sitchin, esiste davvero. Uno sptudio spagnolo svela infatti che il comportamento orbitale degli oggetti transnettuniani (ETNO) fa ipotizzare all'esistenza di almeno due pianeti, finora sconosciuti, entro i confini del nostro Sistema Solare (al di là di Plutone), grandi come la Terra.

E' da anni che si dibatte sull'esistenza o meno del misterioso Pianeta X, detto anche Transplutoniano o decimo pianeta. In tanti tendono ad escludere l'esistenza di questo pianeta "nascosto", e quindi è ancor più sorprendere la notizia che al confine del nostro sistema solare potrebbero esserci non uno ma bensì due Pianeta X, e forse uno di questi è proprio quel Nibiru dei Sumeri, descritto da Zecharia Sitchin. L'agenzia di stampa scientifica spagnola (Sinc) ha infatti riportato un recente studio astronomico dove si parla della possibilità che due pianeti delle dimensioni della Terra (o superiori) possano trovarsi al di là di Plutone, esattamente come vogliono le teorie sul Pianeta X. I ricercatori della Complutense University di Madrid e dell'Università di Cambridge, infatti, evidenziano che le orbite e la strana distribuzione degli oggetti osservati oltre Nettuno potrebbero essere causate dall'influenza gravitazionale di due pianeti, ad oggi sconosciuti. Se questa teoria fosse confermata, ciò andrebbe a rivoluzionare i modelli dell'intero sistema solare. Sotto indagine del gruppo di ricercatori, infatti, è stato il comportamento orbitale degli oggetti transnettuniani (ETNO). Gli studiosi hanno notato che "un eccesso di oggetti" hanno "parametri orbitali inaspettati", e Carlos de la Fuente Marcos, scienziato presso l'UCM e co-autore dello studio pubblicato su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society Letters ipotizza: "Questo ci fa credere che alcune forze invisibili stanno alterando la distribuzione degli elementi orbitali del ETNO e riteniamo che la spiegazione più probabile è che esistono altri pianeti sconosciuti oltre Nettuno e Plutone". L'astrofisico aggiunge: "Il numero esatto è incerto, poiché che i dati che abbiamo sono limitati, ma i nostri calcoli suggeriscono che ci sono almeno due pianeti, e probabilmente di più, entro i confini del nostro sistema solare". La ricerca si basa sull'analisi del cosiddetto "meccanismo di Kozai", che significa che un corpo celeste più pesante può modificare l'orbita di uno più leggero.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: