le notizie che fanno testo, dal 2010

Sigaretta elettronica 2014: dimezzato l'uso. 12% inizia a fumare dopo e-cig

Nel 2014 l'uso della sigaretta elettronica si è più che dimezzato, mentre il 12,1% del campione intervistato per il "Rapporto sul fumo in Italia" dell'Istituto Superiore di Sanità dichiara di aver preso il vizio di fumare sigarette tradizionali dopo aver fumato le e-cig.

Nel 2014 l'uso della sigaretta elettronica si è più che dimezzato. A rivelarlo è il Rapporto sul fumo in Italia presentato dall'Istituto Superiore di Sanità in occasione della Giornata Mondiale senza Tabacco 2014. I dati rivelano infatti che gli utilizzatori delle sigarette elettroniche sono passati dal 4,2% del 2013 all’1,6% del 2014. Coloro che la usavano abitualmente nel 2013 erano circa 510mila persone (l’1% della popolazione), mentre nel 2014 sono passati a circa 255 mila (lo 0,5%). I consumatori occasionali erano invece 1,6 milioni nel 2013 (il 3,2%) diventati 550mila (l’1,1%) nel 2014. Il rapporto dell'ISS svela che gli utilizzatori della e-cig sono principalmente giovani adulti e adulti poiché l’84,4% dei consumatori ha età compresa tra i 25 e 64 anni, con il 66% che ha una media di 42 anni. Il dossier sottolinea che le sigarette elettroniche più utilizzate sono quelle contenenti nicotina (66,2%). Aumenta però nel 2014 la percentuale di chi ha dichiarato di aver smesso di fumare le sigarette tradizionali (18,8% nel 2014 contro il 10,6% nel 2013) dopo essere passati all'e-cig. Un quarto dei fumatori di sigarette elettroniche dichiara invece di non aver modificato le proprie abitudini tabagiche, aggiungendo quindi l’uso della e-cig allo stesso numero di sigarette tradizionali fumate (25,1% nel 2014 contro il 22,1% nel 2013). Compare invece quest’anno tra gli utilizzatori della sigaretta elettronica chi ha dichiarato di aver aumentato il numero di sigarette tradizionali (1,7%) e di chi ha iniziato invece a fumare sigarette tradizionali dopo aver usato l'e-cig, sebbene prima non avesse questa abitudine (12,1%).

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: