le notizie che fanno testo, dal 2010

Shuttle Atlantis: "ultimi quattro" pronti al lancio. Con due iPhone 4

Shuttle Atlantis pronto per l'ultimo lancio. Gli "ultimi quattro", cioè gli astronauti della missione Sts 135, aspettano con emozione il conto alla rovescia. Novità di questa missione di 12 giorni è la presenza in volo di ben due Apple iPhone. Ultimo volo Shuttle, primo iPhone nello Spazio.

E alla fine rimasero in quattro (astronauti), ad attendere l'ultimo lancio. Degli Space Shuttle, del concetto di veicolo spaziale "riutilizzabile" partito nell'era Nixon (http://is.gd/Ra829m), che ha attraversato cadute di imperi, concorrenti telecomandati (http://is.gd/D5ytPZ), incidenti epocali e crisi finanziarie, è rimasto solamente l'Atlantis, che incomincia a scaldarsi sulla rampa di Cape Canaveral. Gli "ultimi quattro", come sono chiamati dalla stampa USA, gli astronauti di questa storica ultima missione, sono: Chris Ferguson (il comandante), Doug Hurley (il pilota), Sandy Magnus e Rex Walheim (specialisti di missione). La missione Sts 135 è quindi pronta a partire, il conto alla rovescia arriverà secondo le speranze (perché le previsioni meteo non sono buone) al suo "liftoff" alle 11 e 26 di venerdì 8 luglio (in Italia saranno le 17 e 26). Il compito dell'ultimo volo dello Shuttle Atlantis sarà principalmente, nei 12 giorni di missione, quello di "sistemare" sulla ISS i due moduli "Multi-Purpose Logistics Module" e "Lightweight Multi-Purpose Carrier" ed effetture i "soliti" esperimenti scientifici. Questo lancio però rimarrà nella storia "popolare" non certo perché l'ultima missione con soli quattro astronauti è stata la STS-6 ma perché voleranno, insieme all'equipaggio, anche due Apple iPhone. Questi iPhone, pare assolutamente "commerciali" (quindi non "customizzati" per il cosmo) saranno equipaggiati da un app sviluppata da una società di Houston dal nome emblematico: Odyssey Space Research. L'app per iPhone "SpaceLab for iOS" servirà a testare i meccanismi "fini" dell'iPhone tra cui giroscopi e sensori in assenza di gravità. Lo scopo ultimo della società texana è quello di capire se l'Apple iPhone potrebbe diventare un aiuto per monitorare i risultati degli esperimenti scientifici degli astronauti e, chissà, un giorno, essere d'aiuto alla navigazione spaziale. Ovviamente l'app della Odyssey Space Research è disponibile (in versione "simulata") anche per i "terrestri" sul solito iTunes (http://is.gd/8ESv5D)

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: