le notizie che fanno testo, dal 2010

Educazione sessuale: la scuola entra in chat

Domenica 26 settembre si celebrerà la Giornata mondiale della contraccezione e la Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (Sigo) ha preso a pretesto tale ricorrenza per aprire un canale diretto di comunicazione con studenti ed insegnanti attraverso internet.

Domenica 26 settembre si celebrerà la Giornata mondiale della contraccezione e la Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (Sigo) ha preso a pretesto tale ricorrenza per aprire un canale diretto di comunicazione con studenti ed insegnanti attraverso internet.
La Sigo ha infatti attivato una chat sull'educazione sessuale che potrà essere richiesta dai formatori e che vedrà rispondere alle domande poste dagli studenti riguardo la contraccezione e la sessualità il professor Emilio Arisi, consigliere della Sigo.
La Sigo è già entrata l'anno scorso nelle scuole per una serie di appuntamenti che sembra abbiano chiarito molti dubbi degli adolescenti che si approcciano al sesso e alla sessualità.
Tale iniziative negli istituti scolastici sono state avviate poiché in Italia, rispetto a molti altri Paesi europei, gli studenti non tendono ad informarsi presso i docenti riguardo tali tematiche.
Emilio Arisi, consigliere Sigo, lancia così un appello al Ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini affinché "l'educazione sessuale diventi materia curricolare".
La Sigo spiega che l'educazione sessuale nelle scule è particolarmente importante visto che, per esempio, "a Milano si registra un caso al giorno di sifilide e l'HIV, nei giovani tra i 14 e i 24 anni, è la seconda infezione più diffusa", continua Emilio Arisi.
Preoccupanti anche i numeri sulle gravidanze delle teenager, visto che solo nel 2008 sono nati 10.194 bambini da madri di 15-19 anni ma che ha causa spesso della disinformazione ben "8 volte su 10 (la ragazza, ndr) decide di non tenere il bambino".
Stando al Ministero della Salute, sempre nel 2008, infatti, si sono registrati 4.075 aborti nelle minorenni.
Nel mondo le ragazze tra i 15 e i 19 anni che diventano mamme sono 15 milioni, e i loro bambini rappresentano il 10% del totale dei nati.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: