le notizie che fanno testo, dal 2010

Veronica Capodieci "è vigile e collabora". Prognosi rimane riservata

L'ultimo bollettino medico su Veronica Capodieci è rassicurante, anche se conferma la prognosi riservata. Veronica Capodieci è però "vigile" e soprattutto coraggiosa, come sottolineano i medici.

Veronica Capodieci, la studentessa rimasta gravemente ferita nell'attentato alla scuola di Brindisi, dove è rimasta invece uccisa nell'esplosione l'amica Melissa Bassi (entrambe di Mesagne), sta combattendo con tutte le sue forze nel reparto Rianimazione dell'ospedale di Lecce dove è ricoverata.
Subito dopo l'attentato alla scuola "Morvillo Falcone" Veronica Capodieci era stata trasportata d'urgenza all'ospedale di Brindisi, quello più vicino, per essere sottoposta ad una ricostruzione della parete addominale e della gabbia toracica.
Dopo l'intervento chirurgico, Veronica Capodieci è stata trasferita invece all'ospedale Vito Fazzi di Lecce, dove "sta reagendo" alle cure, come spiega il primario del reparto di Rianimazione.
"Veronica è vigile e collabora" assicurano i medici, precisando che la 15enne si è più volte risvegliata, anche se per precauzione i medici preferiscono tenerla il più possibile sedata.
I suoi parametri vitali sono stabili e il respiro è spontaneo, ma a causa delle gravi ferite le condizioni di Veronica Capodieci rimangono ancora purtroppo critiche. La prognosi della ragazza, infatti, rimane attualmente riservata, al contrario della sorella di Veronica, Vanessa Capodieci, che è stata sciolta un paio di giorni fa.
Coinvolta insieme ad altri ragazzi, Vanessa Capodieci è ricoverata invece a Brindisi nel reparto di Chirurgia plastica, insieme a Selene Greco. Altre due ragazze, invece, Azzurra Camarda e Sabrina Ribezzi, sono sempre ricoverate al Perrino di Brindisi ma nel reparto Grandi ustionati, in condizioni stabili ma anche loro ancora in prognosi riservata.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: