le notizie che fanno testo, dal 2010

Quota 96, Giannini: calcoli fatti, atto governo forse prima del Parlamento

Le ultime notizie sui quota 96, quei lavoratori del comparto scuola che per colpa della legge Fornero non possono andare in pensione, sembrano essere rassicuranti, poiché arrivano dal Ministro dell'Istruzione. Stefania Giannini annuncia infatti che i calcoli per mandare in pensione i quota 96 sono stati già fatti e che quindi "il governo potrebbe anche precedere il Parlamento" nel varare un provvedimento.

Sui quota 96, quei lavoratori del comparto scuola che per colpa della legge Fornero non possono andare in pensione, potrebbero arrivare presto delle novità, anche se finora ai proclami non sono seguiti i fatti. Dopo la deputata di Ncd, Barbara Saltamartini, ha sottolineato come una risoluzione approvata alla Camera "impegna il governo a trovare le risorse necessarie per sanare la situazione dei quota 96 del comparto scuola già dal prossimo Def", è il ministro Stefania Giannini a confermare che l'esecutivo è al lavoro per risolvere il problema. Nel corso di un intervento su Quotidiano.net, Stefania Giannini ammette infatti che la situzione dei quota 96 "è frutto di un errore legislativo" e che deve essere affrontato il prima possibile. Il ministro dell'Istruzione anticipa quindi che le risorse per permettere ai quota 96 di andare in pensione non sono così "esplosive" ed annuncia che l'amministrazione ha già "fatto tutti i calcoli". Stefania Giannini infine precisa che "il governo potrebbe anche precedere il Parlamento" nel varare un provvedimento che metta finalmente la parola fine alla situazione dei quota 96, anche perché i pensionamenti di questi lavoratori del comparto scuola potrebbero aprire le porte ad assunzioni di giovani e precari.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: