le notizie che fanno testo, dal 2010

PD, Zoggia: MIUR rimuova ostacoli all'alternanza scuola - lavoro

"Scuola e lavoro non sono più due momenti distinti della vita formativa degli studenti. Una svolta culturale che però nella pratica sembra essere disattesa. Chiedo quali misure il MIUR intenda adottare per rimuovere tali ostacoli e dare certezze al percorso formativo dei ragazzi" comunica in una nota Davide Zoggia, deputato del PD.

"Scuola e lavoro non sono più due momenti distinti della vita formativa degli studenti, ma devono integrarsi in modo flessibile per contribuire a una formazione che faciliti l'inserimento nel contesto lavorativo" sottolinea in una nota l'ex presidente della Provincia di Venezia Davide Zoggia.
"La legge 107/12 del 2015 ha introdotto l'alternanza scuola - lavoro. - ricorda il deputato del PD - Rispettivamente negli istituti tecnici e professionali, vi è un obbligo di 400 ore di apprendimento lavorativo negli ultimi tre anni di studi, mentre per i licei almeno 200 ore di tirocinio nel triennio. Una svolta culturale che però nella pratica sembra essere disattesa, visto che ho raccolto le istanze di molti istituti che lamentano molteplici difficoltà a rivolgersi ad enti pubblici e privati (musei, ordini professionali, enti di promozione sportiva e che operano in ambito ambientale) per avviare tale riforma".
Zoggia annuncia quindi di aver "firmato una interpellanza urgente, insieme ad altri 29 colleghi parlamentari del PD, rivolta al Ministro dell'Istruzione, dell'Università, della Ricerca" per portare alla conoscenza di Stefania Giannini "queste problematiche che minano la riuscita di un processo fondamentale per la formazione completa degli studenti". "Difficoltà che ritengo siano motivate da una scarsa conoscenza della normativa, - evidenzia l'esponente dem - che mette a disposizione 100 milioni di euro annui a decorrere dal 2016, e da una certa diffidenza nell'aprire le porte da parte di molte istituzioni al mondo della scuola e delle nuove generazioni". Zoggia chiede quindi "quali misure il Ministro intenda adottare per rimuovere tali ostacoli e dare certezze al percorso formativo dei ragazzi".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: