le notizie che fanno testo, dal 2010

MIUR sconfitto ancora: ammessi a prova preselettiva docenti di ruolo

Nuova vittoria per le associazioni sindacali. Il Tar del Lazio, oltre ad ammettere con riserva alla prova preselettiva del concorso scuola i non abilitati, ammette anche i docenti di ruolo delle scuole statali, esclusi nel bando del MIUR.

Dopo le prime vittorie ai vari Tar regionali che hanno ammesso con riserva alla prova preselettiva , in attesa di sentenza di merito, i candidati del concorso scuola non abilitati e laureati negli ultimi 10 anni, le associazioni sindacali evidenziano come "la linea del MIUR sia stata sconfitta ancora" una volta. A decretarlo è l'Anief (Associazione sindacale professionale) che ricorda come nel bando del concorso insegnanti il MIUR "vietava, contro un'esplicita previsione di legge, la partecipazione dei docenti abilitati di ruolo nella scuola, a differenza degli altri dipendenti pubblici". Il Tar del Lazio ha infatti dato ragione a quei candidati del concorso scuola che intendono magari cambiare classe concorsuale e ordine (passare per esempio dalla scuola media a quella superiore) e che quindi hanno fatto ricorso contro il bando stilato dal MIUR.

Il Codacons precisa come il Tar del Lazio abbia ammesso con riserva alla prova preselettiva, in tutto, oltre 340 candidati. Il Tar, infatti, nel sottolineare che la prova preselettiva del concorso scuola si terrà il 17 e il 18 dicembre 2012, e ritenendo che, "seppur ad un sommario esame, appaiono sussistenti i presupposti (...) per l'accoglimento della domanda cautelare monocratica" la cui camera di consiglio si può riunire non prima del 10 gennaio 2013, sentenzia di "ammettere con riserva i ricorrenti" a sostenere la prova di preselezione del concorso scuola. Nelle "indicazioni operative" che il MIUR ha inviato alle Commissioni che presiederanno le sedi d'esame viene d'altronde specificato che i Comitati di vigilanza dovranno "verificare che siano ammessi a sostenere la prova preselettiva, se non presenti negli elenchi degli aspiranti che hanno inoltrato regolare domanda di partecipazione al concorso, solo i candidati muniti di ordinanze o di decreti cautelari dei giudici amministrativi a loro favorevoli". In altre parole, le sentenze dei Tar.

I candidati che finora non hanno presentato ricorso al Tar (il termine ultimo era il 24 novembre 2012) hanno però ancora una possibilità di poter essere ammessi alla prova preselettiva. Come ricorda infatti il Codacons, "tutti coloro che invece non hanno presentato la domanda per partecipare al concorso scuola, possono inoltrare ricorso al Capo dello Stato (Giorgio Napolitano) entro il 23 gennaio 2013".

Leggi anche: MIUR sfidato: il 13 dicembre sarà Profumo a rispondere al quizzone

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: