le notizie che fanno testo, dal 2010

MIUR: esercitatore concorso scuola non accessibile. Discriminatorio?

Gli oltre 300mila candidati del concorso scuola 2012 sono alle prese con l'esercitatore online della prova preselettiva pubblicato sul sito del MIUR. Ma diversi candidati lamentano di non avere un documento stampabile delle domande e delle risposte, tipo un PDF, e sottolinano come il simulatore del MIUR non sia accessibile, e quindi discriminatorio.

E' dal 27 novembre che ormai gli oltre 300mila candidati del concorso scuola, oltre ad aver scoperto le sedi delle sessioni dove si svolgerà la prova preselettiva nei giorni 17 e 18 dicembre 2012, si cimentano con l'Esercitatore online dei test messo a disposizione sul sito del MIUR. Sul MIUR, infatti, è stato pubblicato il simulatore della prova preselettiva computer-based del concorso scuola, unica per tutti i posti e le classi di concorso e per tutto il territorio nazionale. Questo simulatore, spiega il MIUR, è del tutto "analogo" al software informatico che il candidato si troverà di fronte il giorno della sua prova di preselezione del concorso docenti, e permetterà di effettuare delle simulazioni del test, visto che ogni sessione (70 in tutto) racchiude 50 quiz a risposta multipla estratti dall'archivio completo delle domande che verranno proposte in sede d'esame il giorno della prova preselettiva.

Ogni candidato potrà ripetere le esercitazioni online con il Simulatore del MIUR più di una volta, e alla fine di ogni sessione il sistema fornirà solamente indicazioni su quante risposte corrette sono stete date, quante sono state sbagliate e a quante non si è risposto, con il punteggio finale. Il test dovrà essere completato in 50 minuti, e sono con l'Esercitatore del MIUR si potrà "consegnare" in anticipo la prova preselettiva simulata, ma con l'obbligo di rispondere prima a tutte le domande. Per superare la prova preselettiva, sia con l'Esercitatore del MIUR sia in sede d'esame, il candidato dovrà ottenere almeno 35 punti su 50, sapendo che ogni risposta giusta vale 1 punto, ogni risposta sbagliata vale -0,5 punti e ogni risposta non data vale 0 punti.

Il MIUR ricorda che per conoscere tutte le domande presenti nell'archivio da cui verranno estratti i quesiti che saranno proposti ai candidati il giorno della prova preselettiva, si potrà effettuare una simulazione dei test per ciascun modulo di verifica. In questo modo si conosceranno tutte le domande e le risposte (che in sede d'esame saranno distribuite randomicamente e diverse per ciascun candidato) e, ripetendo più volte la sessione di prova con l'Esercitatore online del MIUR (anche se ogni volta cambierà l'ordine delle domande e delle risposte), il candidato potrà sperare di riuscire a passare ogni modulo, correggendo di volta in volta le risposte sbagliate date in precedenza. Questo perché il Ministero dell'Istruzione ha deciso per questo concorso scuola, che assegnerà 11.542 posti e cattedre di personale docente negli anni scolastici 2013-2014 e 2014-2015, di non fornire né le risposte corrette alla fine di ogni verifica effettuata con il Simulatore del MIUR né tantomeno rilasciare documenti scaricabili (esempio pdf) con l'intero archivio domande della prova preselettiva. Questo, nell'intenzione del MIUR, per evitare che i candidati imparassero "a memoria" domande e risposte del test di preselezione.

E da qui nasce il dibattito e un'ampia polemica. Su diversi forum adibiti a discussioni inerenti il concorso insegnanti, infatti, molti candidati si sono lamentati per il fatto di non avere a disposizione un documento stampabile delle 3.500 domande da cui verranno estratti i test a risposta multipla della prova preselettiva. La prima lamentela, e non da poco, risiede nel fatto che per usare l'esercitatore del MIUR occorre scaricare obbligatoriamente l'ultima versione di Java, con qualcuno che rende noto come il simulatore non sembra vedersi né su cellulare (smartphone) né sul tablet. Scaricare un software apposito per il funzionamento di un applicativo "semplice" come un test a risposta multipla, infatti, non sembra essere stata la soluzione informatica migliore.

Ma la polemica più accesa riguarda il fatto che il candidato deve per forza stare di fronte ad un computer, connesso ad internet, e solo magari per leggere le domande. Molti ricordano poi come i siti della pubblica amministrazione debbano inoltre essere accessibili per legge, e questo esercitatore in Java non sembra davvero esserlo. Inoltre, i candidati nei vari forum e social network fanno notare che non tutti possiedono una connessione internet a casa (soprattutto in questi tempi di crisi), e questo rende impossibile oppure fortemente penalizzante non solo esercitarsi con il simulatore del MIUR ma anche solamente, appunto, leggere le domande e le risposte della prova preselettiva.

Molti sottolineano che non è certamente pensabile che un candidato, per avere le stesse possibilità di "conoscenza" in merito alle domande dei test di preselezione, debba, per esempio, andare ogni volta ad un internet caffè. Inoltre, diversi sottolineano di passare la maggior parte del tempo fuori casa, e di essere impossibilitati quindi a stare ore ed ore davanti ad un computer per scoprire tutte le domande. Con un documento stampabile, invece, i quesiti possono essere portati ovunque (in autobus, in treno, in metropolitana, in bagno e in ufficio, per esempio). I candidati del concorso scuola 2012, infatti, non si lamentano tanto del non avere le risposte corrette ma polemizzano con il Ministero sul fatto che un esercitatore online non dia a tutti le stesse possibilità di accesso e fruizione.

Qualcuno pensa infatti già ad un ricorso, evidenziando che se il MIUR non rimedia in breve tempo, mettendo un documento scaricabile, il concorso scuola è nato già con un "vizio letale" perché "discriminatorio", e ciò rischia di far "saltare il concorso docenti in aria".

Leggi anche: MIUR esercitatore: per CGIL configura elementi di illegittimità

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: