le notizie che fanno testo, dal 2010

Giornata internazionale studenti: blitz notturno al Ministero del Lavoro

Blitz notturno davanti al Ministero del Lavoro da parte dell'Unione degli Universitari e la Rete degli Studenti Medi in occasione della Giornata internazionale dello Studente, in difesa dell'istruzione pubblica e del diritto allo studio.

L'Unione degli Universitari e la Rete degli Studenti Medi, in occasione della Giornata internazionale dello Studente, hanno organizzato diversi eventi e manifestazioni in difesa della scuola e dell'istruzione pubblica, aperta ed accessibile a tutti, fondata su un diritto umano fondamentale, ovvero il diritto allo studio che, sottolineano le organizzazioni, "troppo spesso nel nostro Paese viene calpestato e non ci si investe abbastanza" tanto da essere "il fanalino di coda dell’Europa". Questa notte l'Udu e la Rete degli Studenti Medi hanno quindi organizzato un blitz davanti al Ministero del Lavoro. "Chiediamo al governo di ripartire dall’istruzione e dal diritto allo studio, siamo stufi degli slogan, vogliamo fatti concreti. A partire dall’ascoltare le proposte degli studenti sul Piano Scuola, dall’aprire un tavolo di contrattazione per incidere veramente e profondamente sul provvedimento del governo, che la consultazione, per come è stata portata avanti, non è stata in grado di coinvolgere realmente gli studenti" dichiara Alberto Irone, Portavoce della Rete degli Studenti Medi. Gianluca Scuccimarra, Coordinatore dell’Unione degli Universitari, evidenzia invece: "Siamo la generazione precaria, non possiamo permetterci un Paese che ci priva del nostro presente e del nostro futuro. Vogliamo costruire un futuro fatto d’istruzione, diritto allo studio e lavoro: - concludendo - se il governo pensa di poter rilanciare il Paese senza questi tre pilastri, sbaglia".

© riproduzione riservata | online: | update: 17/11/2014

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Giornata internazionale studenti: blitz notturno al Ministero del Lavoro
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI