le notizie che fanno testo, dal 2010

Dopo scatti di anzianità insegnanti problema ATA 1 e 2: recupero somme da 2011

Dopo che il governo è riuscito in extremis ha risolvere il problema degli scatti di anzianità degli insegnanti e dei lavoratori della scuola, che avrebbero visto da gennaio trattenute da 150 euro in busta paga, ecco che l'esecutivo è nuovamente in imbarazzo. Il MIUR informa che da febbraio 2014, infatti, i lavoratori ATA 1 e 2 dovranno restituire, attraverso trattenute in busta paga, le somme erogate a partire dal 1 settembre 2011 relative al blocco dell'erogazione del beneficio economico.

Dopo che la protesta degli insegnanti ha risvegliato il ministero dell'Istruzione e dell'economia sul problema degli scatti di anzianità dei lavoratori della scuola, il premier Enrico Letta ha annunciato che non ci sarà nessuna restituzione delle somme percepite lo scorso anno da trattenere in busta paga. La FLC CGIL, attraverso una nota del suo segretario Domenico Pantaleo, sottolinea però che la decisione del Consiglio dei Ministri di oggi è solo quella di "sospendere" la restituzione gli scatti di anzianità e per questo si augura che sarà infine "definitiva". In caso contrario, la CGIL scuola promette che sarà sciopero, anche se non saranno risolte le altre problematiche da tempo al centro della lotta del sindacato. Oltre al ripristino degli scatti di anzianità del 2012 e del 2013, infatti, la FLC CGIL denuncia "questioni altrettanto gravi che colpiscono il personale della scuola" come "la restituzione delle posizioni economiche ATA, il mancato pagamento degli stipendi e delle ferie ai supplenti, la riduzione del salario di posizione ai dirigenti scolastici". E proprio la restituzione delle posizioni economiche ATA mette nuovamente in imbarazzo il governo. In una nota del 7 gennaio, infatti, il MIUR infomra infatti che "si rende inevitabile procedere al recupero delle somme già erogate in favore del personale ATA, sia per la prima che per la seconda posizione, acquisite e, conseguentemente, erogate con decorrenza dal 1 settembre 2011 ed annualità successive procedendo, altresì, al blocco di ogno ulteriore mensilità". Il MIUR informa però di aver invitato il Ministero dell'Economia "a prevedere una rateizzazione del recupero" che dovrebbe iniziare a partire da febbraio 2014.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: