le notizie che fanno testo, dal 2010

Decreto scuola 2014: ok Senato. Proroga di 112 dirigenti scolastici Toscana

Il Senato ha approvato il decreto legge sulla scuola che consente la proroga di 112 dirigenti scolastici in Toscana e delle società di pulizia in Campania e Sicilia. Il dl sulla scuola impegna inoltre il governo Renzi ad indire entro l'anno la prima prova del concorso nazionale per i dirigenti scolastici.

Il Senato ha approvato il decreto legge relativo alle scuole con 126 voti a favore, 1 contrario e 75 astenuti. Il provvedimento consente la proroga di 112 dirigenti scolastici in Toscana e delle società di pulizia in Campania e Sicilia. Ora il testo del decreto scuola passa alla Camera, che dovrà convertirlo in legge, pena la decadenza, entro il 7 giugno. "Il personale della scuola non pagherà più per gli errori della burocrazia. Il dl sulla scuola mette la parola fine a tantissimi contenziosi, compreso quello che ha coinvolto 112 dirigenti toscani vincitori di un concorso, annullato poi per un vizio di forma" afferma il senatore del PD Andrea Marcucci, presidente della commissione Istruzione a Palazzo Madama, annunciando che entro l'anno il governo Renzi indirà la prima prova del concorso nazionale "che dovrà rappresentare un vero e proprio punto di svolta". La senatrice del PD Rosa Maria Di Giorgi sottolinea quindi come Commissione Istruzione abbia convenuto "sulla necessità di trovare una soluzione complessiva, che consenta di superare i contenziosi pregressi e di avviare in modo sollecito il nuovo sistema di reclutamento della dirigenza scolastica, come prefigurato dall'articolo 17 del decreto legge 104 del 2013. - aggiungendo - Adesso, la necessità di rispettare la sentenza impone l'espletamento di una nuova prova concorsuale, e il MIUR si deve impegnare a far sì che le prove avvengano in tempi brevi, così da uscire dalla attuale situazione di grave disfunzione e da garantire alle scuole una rapida assegnazione di presidi in pianta stabile".

"Col decreto si assicura il regolare compimento dell'anno scolastico, garantendo continuità ai dirigenti in attesa del nuovo concorso e la proroga dei servizi in quelle regioni che ancora non hanno attivato le convenzioni Consip e una attenta verifica nelle altre di quanto sta accadendo" sottolinea anche la senatrice democratica Stefania Pezzopane, evidenziando però come "la vicenda dei dirigenti scolastici" sia stata "una telenovela inquietante, che tra concorsi e ricorsi rischiava di non garantire l'esercizio dirigenziale nelle scuole italiane". Pezzopane conferma quindi che con il decreto scuola si prevede quindi "la proroga al 31 dicembre 2014 dei servizi di pulizia scolastica di Campania e Sicilia e si destinano 150 milioni per altri interventi di manutenzione, avvalendosi delle stesse imprese nelle altre regioni", chiarendo però che i due odg indicano da una parte "l'urgenza di procedere con l'indizione dei concorsi per i dirigenti scolastici e applicare le quote di riserva, evitando cambiamenti sede" e dall'altro "si invita il governo a valutare gli effetti della gestione dei servizi di pulizia sulle reali condizioni delle scuole".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: