le notizie che fanno testo, dal 2010

Concorso scuola bando 2015, solo abilitati: ecco cosa cambia. Requisiti

Nelle linee guida della riforma della scuola anche l'annuncio di un nuovo concorso scuola, il cui bando dovrebbe uscire ad inizio 2015 e prevede l'assuzione di 40mila docenti nel triennio 2016-2019. Per il concorso scuola 2015 cambiano i requisiti: ammessi solo gli abilitati all'insegnamento, ma con riserva i TFA. Meno punteggi ai titoli, e rivisto l'elenco dei titoli ammessi. Dopo il concorso scuola 2015 saranno stilate delle graduatorie di merito nazionali.

Mentre le linee guida della riforma della scuola prevede per il 1 settembre 2015 l'assuzione di 148.100 docenti (ma le cattedre sarebbero solo 50mila), Matteo Renzi annuncia un nuovo concorso scuola. Il governo Renzi intende ristabilire infatti la regola che l'assunzione degli insegnanti deve avvenire solo ed esclusivamente attraverso un concorso scuola. Nelle linee guida della riforma, viene quindi anticipato che sarà indetto un concorso scuola per 40mila docenti. Il bando dovrebbe uscire ad inizio 2015, e potranno iscriversi solo gli abilitati all’insegnamento negli ultimi anni.
Ecco cosa cambia e requisiti bando concorso scuola 2015.
La stima del turnover nella scuola è di circa 13/14mila docenti all’anno che vanno in pensione. Il concorso scuola 2015 prevederà da bando circa 40mila posti per il triennio di riferimento 2016-2019, ma saranno ammessi solo gli abilitati all’insegnamento negli ultimi anni. Il concorso scuola 2015 sarà bandito in tutte le Regioni e per tutte le classi di concorso, così da far decadere graduatorie concorsuali "storiche" in alcuni casi datate di quasi 25 anni. Il bando del concorso scuola 2015 permetterà l'iscrizione anche ai circa 22.500 che in autunno inizieranno il loro percorso di abilitazione - il cosiddetto Tirocinio Formativo Attivo (TFA) - che terminerà in tempo utile per farlo valere ai fini del concorso. I TFA saranno infatti ammessi "con riserva". Saranno inoltre introdotte alcune piccole varianti rispetto all’ultimo concorso scuola (del 2012). Nel nuovo concorso scuola del 2015, infatti, sarà diminuita significativamente la percentuale di giudizio legata ai titoli; sarà rivisto l'elenco dei titoli ammessi e sarà dato maggior peso alla valutazione delle capacità "pratiche" dell’insegnante, come tenere una lezione o affrontare situazioni concrete. Infine, tutti i concorsi scuola futuri dovranno prevedere la possibilità di graduatorie di merito nazionali (con possibilità di esprimere preferenze locali) che rispondano alle necessità dei diversi territori, ma non facciano della dimensione provinciale un limite invalicabile.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: