le notizie che fanno testo, dal 2010

Concorso scuola 2012, graduatorie: esaurimento o azzeramento?

C'è fermento nel mondo della scuola per il concorso docenti annunciato dal MIUR, e non solo per l'attesa dei requisiti (il bando uscirà il 24 settembre 2012). I precari della scuola, infatti, rischiano di vedere "azzerate" e non "esaurite" le graduatorie in cui sono iscritti da anni in attesa di una immissione a ruolo.

Il ministro dell'Istruzione Francesco Profumo è stato categorico: dopo il concorso docenti per la scuola statale di quest'anno (il cui bando uscirà il 24 settembre 2012) e quello in programma per maggio 2013 "non formeremo più nuove graduatorie, cercheremo solo di svuotare quella esistente". Il ministro promette infatti che ogni due anni ci sarà un concorso scuola dove però i "vincitori saranno pari ai posti disponibili". Una notizia non non rende felici e soddisfatti proprio tutti, in particolare quei migliaia di precari della scuola in graduatoria da anni in attesa dell'immissione a ruolo. Nonostante ci siano infatti circa 163mila docenti precari, da qui all'inizio dell'anno scolastico 2014-2015 solo 38mila insegnanti circa verranno assunti attraverso le attuali graduatorie. Per tutti gli altri, la speranza sarà quella di vincere uno dei concorsi della scuola con cadenza biennale. Il gruppo Precari Uniti - docenti e lavoratori della scuola statale, però, promette battaglia, e già domani martedì 4 settembre saranno sotto il MIUR per protestare contro "un concorso dettato da logiche meramente propagandistiche dietro il quale si nasconde la gestione dei tagli". Il movimento fa notare infatti che Elena Centemero, deputato e Responsabile Nazionale Scuola PDL, "giudica positivamente la notizia" del bando di concorso per 11.892 posti nella scuola statale perché "potrebbe permettere di azzerare le graduatorie ad esaurimento, come previsto dalla Finanziaria 2007". Il gruppo Precari Uniti spera quindi che in realtà l'onorevole Centemero "volesse dire esaurimento, dando a questo termine il senso positivo e non quello negativo che un azzeramento di graduatorie in cui sono iscritti migliaia di docenti potrebbe comportare". Quel che finora appare certo, è che tra i requisiti del concorso scuola, la cui prima prova è prevista per fine ottobre 2012, la posizione occupata dai docenti attualmente in graduatoria non sarà un criterio per acquisire maggior punteggio, come anticipa il ministro Profumo.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: