le notizie che fanno testo, dal 2010

Bando concorso scuola: requisiti "vecchi"? 8 motivi per fare ricorso

Il bando concorso scuola è uscito il 25 settembre 2012 in Gazzetta Ufficiale, ma è probabile che il TAr del Lazio sarà invaso da ricorsi a causa di quelli che sembrano essere requisiti di ammissione "vecchi" di 18 anni, e quindi incostituzionali. Ecco 8 motivi per fare ricorso contro il bando concorso scuola 2012 indetto dal MIUR.

Il bando concorso della scuola è uscito ieri 25 settembre 2012 in Gazzetta Ufficiale , per l'assegnazione di 11.542 cattedre docenti da suddividere negli anni scolastici 2013-2014 e 2014-2015. Ma a meno di 24 ore dall'uscita del bando concorso scuola, associazioni e sindacati esprimono pareri negativi e perplessità al riguardo, sia per il numero di posti messi a disposizione dal MIUR sia per i requisiti necessari per partecipare. L'Associazione professionale sindacale (Anief), sottolinea infatti che il concorso scuola 2012 è stato "bandito grazie a una legge di 18 anni fa che è subito violata", sottolineando quindi "il pasticcio del ministro Profumo". L'Anief sottolinea infatti come il bando di concorso scuola "esclude i laureati tra il 2001 e il 2012 (art. 2, c. 3, lettera b), i docenti di ruolo (art. 2, c. 6) e limita la scelta a una sola Regione, contrariamente a quanto disposto nel Decreto legislativo 297-94".
L'associazione evidenzia come il MIUR abbia infatti ripreso le vecchie disposizioni (art. 2) del decreto interministeriale n. 460-98 nell'elencare i titoli di ammissione al concorso, spiegando però che quel decreto prevedeva un bando per concorso docenti nel 2002 (art. 1), tanto che all'epoca aveva persino "previsto come titolo di accesso valido, in deroga all'abilitazione prescritta, la laurea conseguita dagli iscritti a corsi accademici quadriennali entro il 2001-2002, quinquennali entro il 2002-2003, sessennali entro il 2003-2004". Il sindacato, quindi, reputa il bando concorso scuola incostituzionale, in quanto violerebbe "diversi articoli della Costituzione (artt. 3, 54, 97)", precisando che se da una parte si accetta "la deroga al principio di ammissione dei soli abilitati" dall'altra "non si può impedire ragionevolmente di far partecipare il candidato laureato in possesso di titolo di accesso valido per le vecchie SSIS o per il nuovo TFA", come "non appare legittimo vietare la partecipazione al personale abilitato assunto a tempo indeterminato, specie se in esubero o in altro ordine di scuola".

L'Anief sottolinea quindi che vi sono almeno 8 buoni motivi per fare ricorso al Tar del Lazio contro il bando del concorso scuola, e cioè:
- Contro l'esclusione dei laureati dal 2001 al 2012;
- Contro l'esclusione dei docenti di ruolo;
- Contro la soglia di 35-50 come punteggio minimo del test preselettivo;
- Contro l'obbligo della prova in lingua straniera nella scuola elementare;
- Contro l'obbligo dell'accertamento della conoscenza della lingua straniera all'orale per tutti i candidati;
- Per ottenere la facoltà di dichiarare il punteggio favorevole;
- Per ottenere la valutazione della permanenza nelle graduatorie;
- Per ottenere una graduatoria di merito di validità triennale.

Il sindacato, quindi, consiglia a tutti quei candidati esclusi dal bando a causa di questi "vecchi" requisiti ad inoltrare comunque la domanda di ammissione al concorso scuola attraverso il sistema online del MIUR (POLIS) dal 6 ottobre alle ore 14:00 del 7 novembre 2012, o in alternativa in cartaceo nel caso in cui il sistema informativo gli precluderà l'inserimento della domanda. Dopo aver inviato la domanda di iscrizione per il bando concorso scuola 2012, questi stessi candidati, contestualmente, dovranno avviare le procedure per poter fare ricorso al Tar del Lazio al fine di chiedere, in via cautelare, l'inserimento con riserva negli elenchi regionali degli ammessi alle prove preselettive.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: