le notizie che fanno testo, dal 2010

Sclerosi Multipla: lettera al Ministro Balduzzi per riconoscere CCSVI

La battaglia per veder "riconosciuta" la CCSVI, patologia "fortemente correlata" alla Sclerosi Multipla continua. Questa volta è una lettera firmata da cinque associazioni e indirizzata al Ministro della Salute Renato Balduzzi a richiedere "riconoscimento della patologia vascolare CCSVI". E parte anche una petizione online.

La battaglia per vedere riconosciuto il diritto alla CCSVI (insufficienza venosa cronica cerebro spinale) di "esistere" continua. Stavolta non è solo la CCSVI nella Sclerosi Multipla Onlus a battersi ma insieme a lei altre associazioni e fondazioni come l'Associazione "Assi.SM" Onlus (Emilia Romagna – Lazio), l'Associazione "Isola Attiva" Onlus (Sardegna), Associazione "L'Abbraccio" Onlus (Piemonte), Fondazione "SMuovilavita" Onlus (Veneto). La lettera congiunta al Ministro della Salute Renato Balduzzi è molto chiara e semplice. "Desideriamo porre alla Sua attenzione l'anomala situazione venutasi a creare nell'ambito della SCLEROSI MULTIPLA e della CCSVI (insufficienza venosa cronica cerebrospinale). Il prof. Paolo Zamboni dell'Università di Ferrara ha scoperto la patologia della CCSVI. Numerosissimi casi nel mondo dimostrano una correlazione tra la CCSVI e la SCLEROSI MULTIPLA: curando la CCSVI migliorano le condizioni degli ammalati di SM" si legge nella lettera (scaricabile in PDF a questo indirizzo http://is.gd/GdZfbJ). Nella lettera si sottolinea quanto, dopo una iniziale autorizzazione da parte del Ministro Fazio, in centri autorizzati, di "interventi di dilatazione delle stenosi venose per curare la CCSVI anche in ammalati di SM, pur auspicando e sollecitando la necessaria e indispensabile ricerca scientifica", un successivo parere del Consiglio Superiore della Sanità "contraddicendo quanto disposto dal Ministro stesso qualche mese prima" fermava di fatto "ogni attività d'intervento sulla CCSVI, in pazienti con SM nella sanità pubblica". Ed ecco il pericolo già più volte denunciato dalla CCSVI nella SM Onlus e che si è potuto vedere anche su un recente servizio di Report su Rai3 ("Paolo Zamboni" http://is.gd/Is8ZyU): "Oggi, sempre più, gli ammalati, e parliamo di migliaia di ammalati di SM, si rivolgono a cliniche private, non sempre di comprovata qualità scientifica e tecnica, causa una sanità pubblica completamente assente", si legge nella lettera. Le richieste delle cinque associazioni al Ministro Balduzzi sono quindi estremamente basilari. E cioè: "- che sia ripristinato quanto disposto dalla nota del 27 ottobre 2010 del Ministro Fazio, in modo che la sanità pubblica torni a dare positive risposte agli ammalati di SM; - che siano definiti centri multidisciplinari di eccellenza per lo studio e il trattamento delle patologie venose con interessamento del sistema nervoso centrale; - che siano promossi progetti di ricerca, come già in più parti del mondo avviene, per far chiarezza sulla relazione tra CCSVI e SM. In particolare, che sia supportato il progetto Brave Dreams, del Prof. Paolo Zamboni, già approvato e per il quale la Regione Emilia Romagna ha sancito l'impegno finanziario". Le richieste delle cinque associazioni si possono anche supportare con una petizione on-line appositamente organizzata (http://is.gd/QKQgCT).

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: