le notizie che fanno testo, dal 2010

CCSVI Sclerosi Multipla, continuano le conferme per il metodo Zamboni

Il "Sogno Coraggioso" di Zamboni e Salvi continua, così come le conferme internazionali e nazionali sul "metodo Zamboni" che, ormai per molti, promette di rivoluzionare le cure per la Sclerosi Multipla. Venerdì 7 ottobre CCSVI nella SM consegnerà "i primi 50.000 euro raccolti per sostenere la ricerca".

Continuano le conferme internazionali per il cosiddetto "metodo Zamboni" cioè, in ambito diagnostico, quel "protocollo che il professor Paolo Zamboni, assieme ai suoi collaboratori, ha messo a punto per la diagnosi non invasiva della CCSVI tramite ecocolordoppler" come scrive nella pagina delle "Domande frequenti" l'Associazione CCSVI nella Sclerosi Multipla (http://is.gd/3u1bgr). Una buona notizia per il "metodo Zamboni" è venuta ad esempio da Praga, al Meeting europeo della prestigiosa Unione Internazionale di Flebologia (UIP), "alla presenza del gotha dei medici del settore" come segnala Alessandro Rasman. Un' equipe di ricerca bulgara guidata dal Dr. Grozdinski e dal Dr. Petrov dell'Ospedale Tokuda di Sofia, riporta Rasman, "ha effettuato l'esame ecocolordoppler in 50 pazienti sani ed in 500 pazienti con sclerosi multipla. Nei pazienti trovati positivi alla CCSVI è stata quindi effettuata una venografia con successivo trattamento endovascolare nel caso di diagnosi di stenosi. Nell'8% dei pazienti sani è stata diagnosticata la CCSVI che invece è stata trovata nel 92% ( ! ) dei pazienti con sclerosi multipla". Alessandro Rasman sottolinea quindi che "sono stati successivamente sottoposti a trattamento endovascolare 461 pazienti, per un totale di 1112 lesioni alle vene giugulari interne e alla vena azygos. L'81% dei pazienti ha ottenuto immediati miglioramenti clinici mentre il 60% ha ottenuto dei miglioramenti successivi. L'indice medio di disabilità (EDSS) è migliorato dal 5.2 al 4.7%". Ormai le conferme al "metodo Zamboni" cominciano ad arrivare con continuità e non solo in ambito internazionale ma anche dalla ricerca italiana. Dal sito ufficiale della Associazione "CCSVI nella SM" infatti si riporta la notizia di uno studio italiano, per la precisione senese, sulle "Anomalie di Deflusso Venoso Cerebrale per i pazienti con SM". Scrive la CCSVI nella SM: "Un nuovo interessante studio è stato pubblicato sul numero di settembre della rivista Plos One a conferma dell'esistenza di anomalie di deflusso venoso cerebrale nei malati di Sclerosi Multipla. Significativo è che lo studio sia stato condotto da un gruppo di neurologi facenti capo alla Azienda Ospedaliera Universitaria e all'Univarsità di Siena". La CCSVI nella SM osserva che "Lo studio evidenzia che esiste una significativa differenza della capacità di deflusso sanguigno dal cervello tra il gruppo dei malati di SM e il gruppo di controllo dei sani, essendo Il valore di Delta CVF risultato negativo nel 59,6% dei pazienti con SM e positivo nel 96,3% dei soggetti sani" (http://is.gd/yjtBpB). Questo l'abstract originale in inglese ("Quantitative ColourDopplerSonography Evaluation of Cerebral Venous Outflow: A Comparative Study between Patients with Multiple Sclerosis and Controls" su PlosOne http://is.gd/Qiu4cd) ma la sua traduzione in italiano è qui (http://is.gd/yjtBpB). Ma le novità per il "metodo Zamboni" non finiscono qui, dato che il 7 ottobre saranno consegnati i primi 50mila euro per Brave Dreams, la sperimentazione del prof. Paolo Zamboni. Scrive l'Associazione CCSVI nella SM: "I malati di Sclerosi Multipla e di CCSVI (Insufficienza Venosa Cronica Cerebrospinale) non intendono aspettare passivamente: nel corso della conferenza stampa, l'Associazione CCSVI nella SM consegnerà all'azienda ospedaliera S. Anna di Ferrara i primi 50.000 euro raccolti per sostenere la ricerca del prof. Paolo Zamboni". Brave Dreams, che letteralmente significa "Sogni Coraggiosi" è un acronimo che nasconde il significato scientifico "BRAin VEnous DRainage Exploited Against Multiple Sclerosis" ovvero "sfruttare il drenaggio venoso contro la sclerosi multipla". Per maggiori informazioni o per fare anche una piccola donazione ecco il link: (http://bravedreams.ccsvi-sm.org).

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: