le notizie che fanno testo, dal 2010

Sciopero treni Lombardia 5 settembre: stop 8 ore Trenord. I perché

Indetto dall'ORSA uno sciopero treni il 5 settembre 2012 di 8 ore, che "paralizzerà il trasporto ferroviario in Lombardia". Lo sciopero è per protestare contro il Contratto Aziendale di Lavoro Trenord.

L'ORSA ferrovie (Organizzazione Sindacati autonomi e di Base) ha indetto per mercoledì 5 settembre 2012 uno sciopero treni di 8 ore per protestare contro il Contratto Aziendale di Lavoro di Trenord. L'orario dello sciopero treni Trenord andrà dalle 9.01 alle 16.59 di mercoledì 5 settembre 2012. Uno sciopero che, sottolinea lo stesso sindacato, "paralizzerà il trasporto ferroviario in Lombardia", tanto che anche la Trenord avverte in un comunicato che "i servizi di trasporto regionale, suburbano, aeroportuale e il Malpensa-Bellinzona, non saranno garantiti". La Trenord spiega solo che "saranno garantiti i treni che, da orario ufficiale, partiranno entro l'inizio dello sciopero (ore 9:00) e che arriveranno a destinazione entro le ore 10:00" pur sottolineando che a causa dello sciopero "il servizio potrà subire ritardi, variazioni o cancellazioni anche prima dell'inizio dell'agitazione e dopo la sua conclusione, alla ripresa dello stesso". Al posto del Malpensa Express da e per Cadorna sarà comunque istituito un servizio sostitutivo con pullman in partenza e arrivo da via Paleocapa, con partenza agli stessi orari del treno. Ma perché l'ORSA Ferrovie ha indetto uno sciopero di 8 ore? Il sindacato denuncia il fatto che nonostante i conti di Trenord parlano di un'attivo per oltre 8 milioni di euro, l'azienda ha sottoscritto lo scorso 04 luglio, con la sola esclusione dell'ORSA, un nuovo Contratto Aziendale di Lavoro "che peggiora e deroga pesantemente sulla parte normativa e sulla parte economica rispetto al Contratto Collettivo Nazionale vigente al momento della firma (2003) ed a quello sottoscritto nei giorni successivi ( 2012 -2014)". L'ORSA ricorda inoltre che il Contratto Aziendale di Trenord non è stato sottoposto a nessun referendum tra i lavoratori anche se tale richiesta pare sia stata supportata da una raccolta firme pari ad oltre il 50% del personale. Lo sciopero treni in Lombardia del 5 settembre, conclude il sindacato, è stato quindi indetto "per l'affermazione della democrazia nei luoghi di lavoro ed il riconoscimento della rappresentanza dei lavoratori"

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# democrazia# euro# lavoro# Nazionale# referendum# sciopero# treni