le notizie che fanno testo, dal 2010

Sciopero mezzi pubblici contro progetto Bilancio di Roma Capitale

Lunedì 30 maggio a Roma bus, tram, treni e metrolitane si fermeranno per lo sciopero di 24 ore proclamato dalla confederazione Unione Sindacale di Base e da Faisa Cisal "in opposizione al progetto di Bilancio di Roma Capitale, che in nome del risanamento economico peggiorerà le condizioni materiali di ampi settori sociali".

Lunedì 30 maggio a Roma bus, tram, treni e metrolitane si fermeranno per lo sciopero di 24 ore proclamato dalla confederazione Unione Sindacale di Base (Usb comparto trasporti) e da Faisa Cisal, che coinvolgerà il personale capitolino e le aziende della holding Roma Capitale: Atac, Ama, Acea, Zetema, Farmacap. Come si legge sul sito della Usb, "lo sciopero metropolitano e la manifestazione assumono un orizzonte di carattere generale, a difesa del patrimonio, del reddito e dei diritti di tutti i cittadini, contro la precarietà e le dismissioni selvagge, in opposizione al progetto di Bilancio di Roma Capitale, che in nome del risanamento economico peggiorerà le condizioni materiali di ampi settori sociali". In piazza, infatti, ci saranno i dipendenti "delle società che erogano i servizi pubblici essenziali a Roma coinvolti nel pieno del progetto di privatizzazione rappresentato da Holding Roma Capitale che, partendo dal disastro causato dalla mala gestione delle amministrazioni, intende svendere i beni di tutti ai privati (...) in lotta contro le scelte di privatizzazione dell'assessore De Palo e le esternalizzazioni perseguite dalla Giunta, per ricordare le assunzioni prima promesse e poi smentite nella scuola dell'infanzia, nei nidi e nel settore amministrativo ed il corso-concorso per le insegnanti della scuola d'infanzia; per i contratti bloccati per tre anni; per rivendicare l'adeguamento di un buono pasto inchiodato da 10 anni a 5,25 Euro ed addirittura negato al personale dei nidi". Come sempre lo sciopero si svolgerà dalle dalle 8.30 alle 17 e dalle 20 a fine del servizio, e quindi saranno a rischio autobus, tram, metropolitane e ferrovie urbane Roma Lido, Termini Giardinetti e Roma Civita-Castellana Viterbo e le linee bus periferiche gestite da Roma Tpl. Lo sciopero si svolgerà quindi nel rispetto delle fasce di garanzia previste per legge. Nella nota, "l'USB, unita ai movimenti cittadini nella rete collettiva Roma Bene Comune, esorta la cittadinanza, i lavoratori e le lavoratrici comunali e delle aziende collegate a partecipare compatti e indignati".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: