le notizie che fanno testo, dal 2010

Sciopero infermieri 3 novembre 2014: le ragioni della protesta

Sciopero di 24 ore degli infermieri oggi 3 novembre 2014, con migliaia gli interventi chirurgici saltati. Come spiega il Nursind, associazione sindacale di categoria, le ragioni alla base della proclamazione dello sciopero sono essenzialmente correlate al perdurare del blocco della contrattazione nazionale e del trattamento economico individuale, oltre che al blocco del turn over e allo stato di demansionamento in cui versa il personale infermieristico.

"Fino ad ora, sono circa 30.000 gli interventi chirurgici saltati, ma la giornata è lunga" avverte Andrea Botega, segretario della principale associazione sindacale di categoria, il Nursind, che ha portato oggi 3 novembre a far incrociare le braccia e scendere in piazza migliaia di infermieri. Oltre ad uno sciopero di 24 ore, gli infermieri hanno infatti anche protestato a Roma. Il Nursind spiega che motivazioni alla base della proclamazione dello sciopero sono essenzialmente correlate al perdurare del blocco della contrattazione nazionale e del trattamento economico individuale, e in particolare:
- il perdurare del blocco del trattamento economico del personale del SSN previsto dal DL 78/2010 convertito nella legge122/2010, con il conseguente blocco contrattuale e il taglio dei fondi della contrattazione integrativa;
- il mancato rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per il comparto sanità;
- il permanere della crisi occupazionale infermieristica che vede circa 30.000 infermieri non occupati e il sovraccarico di lavoro che la categoria sopporta per il perdurare del blocco del turn over, il mancato ricambio generazionale per la riforma pensionistica, l’invecchiamento e l’usura del personale
- lo stato di demansionamento in cui versa il personale infermieristico chiamato a coprire nel sistema le carenze di altre figure e del personale di supporto
- l’impossibilità di valorizzare qualsiasi percorso di carriera per la professione infermieristica a livello nazionale e aziendale.
La protesta degli infermieri potrebbe però proseguire già l'8 novembre, aderendo alla manifestazione nazionale in difesa dei servizi pubblici e dei settori della conoscenza proclamata da Cgil, Cisl e Uil.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# crisi# lavoro# Nazionale# Roma# sanità# sciopero