le notizie che fanno testo, dal 2010

Sciopero calciatori, Beretta: è follia. Aic: si gioca se c'è firma

Per il presidente della Lega di Serie A Maurizio Beretta lo sciopero dei calciatori è pura "follia", auspicando che i giocatori non "perseverino". Ma Damiano Tommasi dell'Aic è chiaro: senza firma, non si giocherà neppure l'11 settembre.

Per il presidente della Lega di Serie A Maurizio Beretta lo sciopero dei calciatori è una vera "follia", auspicando che si trovi al più presto un compromesso, affermando infine che anche se "errare è umano, perseverare sarebbe diabolico". Ma Damiano Tommasi, presidente dell'Aic, afferma durante un confronto tv su Sky con Beretta che si potrà giocare "solo con la firma". Tommasi sembra essere stato chiaro: se entro il 10 settembre il contratto non sarà sottoscritto, allora lo sciopero dei calciatori continuerà. "Non c'è nessuna negoziazione -continua Tommasi - stiamo parlando di un impegno preso a dicembre, non mantenuto a maggio e dimenticato ad agosto", precisando che nessuno dei calciatori ha detto che non è disposto a pagre il contributo di solidarietà, se mai sarà introdotto, e ricordando che per esempio il Milan non ha vinto il campionato con soli 22 giocatori, portando il discorso sui fuori rosa che per la Lega di Serie A dovrebbero allenarsi separatamente. In seguito Tommasi spiega che "l'assemblea di giovedì della Lega è molto importante per la soluzione del tema", affermando di essere convinto del fatto che "ci siano delle buone premesse", aggiungendo infine: "La nostra voglia è di iniziare il campionato al più presto, la firma non ci sembra così lontana, siamo tutti ottimisti".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: