le notizie che fanno testo, dal 2010

Sciopero benzinai su rete ordinaria che autostradale

Lo sciopero dei benzinai è stato confermato, e il rischio è che si sia un blocco benzina (e gasolio) di 10 giorni sia sulla rete ordinaria che su quella autostradale. Faib e Fegica sperano comunque che prima di fissare date e modalità dello sciopero, la politica si muovi per venire incontro ai gestori, e non solo alle "lobby dei petrolieri".

L'ultima parola spetterà al Parlamento, che se riuscirà ad inserire nel decreto liberalizzazioni, appena firmato da Giorgio Napolitano, quelle modifiche atte a "liberare il settore dal controllo assoluto dei monopolisti petroliferi e consentire prezzi dei carburanti più bassi su tutta la rete distributiva", scongiurerà un pacchetto di 10 giorni di sciopero dei benzinai, che si estenderà sia sulla rete ordinaria che su quella autostradale.
La Faib Confesercenti e la Fegica Cisl offrono quindi un'ultima possibilità alla politica di venire incontro ai gestori delle pompe di benzina, categoria che si sente sempre più a rischio dopo l'approvazione del decreto liberalizzazioni che ha visto, a loro giudizio, la vittoria della "potente lobby dei petrolieri", perché non solo non va a liberalizzare il settore dei carburanti ma allo stesso tempo conferma quei vincoli che vanno ad ingessare forniture e prezzi. In più, denuncia la Faib e la Fegica, il decreto permette alla "compagnie petrolifere a saltare la mediazione della contrattazione collettiva nella fissazione del margine dei gestori", autorizzando anche l'apertura di distributori di benzina self service che potranno rimanere aperti per 24 ore su 24. Provvedimento, quest'ultimo, che non sembra essere pensato esattamente per la crescita, visto che in questi impianti "ghost" i lavoratori saranno superflui.
La Faib e la Fegica, quindi, non possono, per tutti questi motivi, che confermare lo sciopero benzinai di 10 giorni, pur attendendo di fissare date e modalità del blocco nella speranza che in Parlamento qualcosa si muovi, e che quindi vengano ascoltate le richieste dei gestori.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: