le notizie che fanno testo, dal 2010

Sciopero 18 ottobre 2013 Roma: metro aperta, bus e treni regolari da ore 17:00

Lo sciopero di oggi 18 ottobre 2013 a Roma seguirà le seguenti modalità: dalle ore 8:30 e dalle ore 17:00 a rischio bus, tram e ferrovie Roma-Lido, Termini-Giardinetti e Roma-Civitacastellana-Viterbo. La metro A, B e B1 invece, dovrebbe essere aperta e funzionare regolarmente per tutta la giornata. L'Usb, infatti, ha accolto l'appello di Ignazio Marino ed ha revocato per Roma lo sciopero a partire dalle ore 20:00.

Sciopero generale oggi 18 ottobre 2013 a Roma, con possibili disagi per i cittadini che si devono spostare nella Capitale. Oltre allo sciopero dei trasporti indetto da Usb, Cobas e Cub, infatti a Roma si sommano oggi altri tre scioperi, di cui uno di 4 ore promosso da Fit-Cisl, che interessa la fascia oraria dalle 8:30 alle 12:30 e gli altri due proclamati dai Confederali, di 24 ore, che riguarderanno i collegamenti periferici gestiti dalla Roma Tpl. Lo sciopero generale dell'Usb, invece, inizialmente doveva essere di 24 ore ma, a causa della manifestazione sindacale che si protrarrà fino a tarda sera e della partita Roma - Napoli che si giocherà all'Olimpico, l'agitazione non riprenderà alle ore 20:00. Ecco quindi le modalità dello sciopero di oggi 18 ottobre 2013 a Roma: dalle ore 8:30 e dalle ore 17:00 a rischio bus, tram e ferrovie Roma-Lido, Termini-Giardinetti e Roma-Civitacastellana-Viterbo. La metro A, B, e B1 di Roma, invece, dovrebbe funzionare regolarmente per tutta la giornata (tranne la fermata San Giovanni chiusa dalle ore 15:00 a causa della manifestazione dell'Usb organizzata in concomitanza con lo sciopero dei trasporti), visto che le linee sarebbero rimaste chiuse a partire dalle ore 20:00 fino alle 24:00 di oggi 18 ottobre, ma grazie alla revoca concessa dall'Usb al sindaco della Capitale Ignazio Marino l'agitazione è saltata.



• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# Capitale# Ignazio Marino# metro A# Napoli# Roma# sciopero