le notizie che fanno testo, dal 2010

San Filippo Neri chiude? Marino: "E' attacco alla sanità pubblica"

Sul rischio chiusura dell'ospedale San Filippo Neri a Roma interviene Ignazio Marino: "Chiudere il San Filippo Neri dopo i grossi investimenti fatti, non mi sembra ragionevole". Ma il Governo Monti ha avvisato sulla non sostenibilità futura dei sistemi sanitari. Il Sistema Sanitario Nazionale è a rischio smantellamento?

Mario Monti si può già considerare un ex premier tecnocrate ma la sua carriera politica non finirà certo qui, così come gli orizzonti (naturalmente "tagliati") che ha mostrato al Paese. Molti dimenticano infatti che Mario Monti è già senatore a vita, e non ha bisogno di essere rieletto. Altri maliziosamente osservano come la relativa quiete seguita alla sua "caduta" del suo Governo, sembri solo l'occasione perfetta per la sua futura ascesa al Quirinale come Presidente della Repubblica dopo Giorgio Napolitano . Ovunque ci si volti, insomma, i Monti circonderanno come un muro la politica italiana, con pesantissimi risvolti (e paletti) per il cittadino, ad esempio nell'ambito della sanità pubblica. Mario Monti infatti, negli scorsi giorni, aveva parlato della non sostenibilità futura dei sistemi sanitari con parole nette e precise. In realtà come faceva sapere in merito la Fp-CGIL "la privatizzazione della sanità è già in corso" perché "vengono tagliati posti letto e servizi ospedalieri, senza potenziare i presidi sul territorio, mentre si operano tagli davvero intollerabili di cui Monti sembra accorgersi solo adesso. Vengono bloccati contratti e retribuzioni per colpire il personale, i precari vengono licenziati in modo scientifico, per indebolire ulteriormente il servizio in assenza di turn over. Se si aggiunge il costo dei ticket che inizia a rendere sconveniente il servizio sanitario nazionale il gioco è quasi fatto". Prossimamente quindi, prevede qualcuno, cominceranno a "saltare" i "pezzi grossi" del sistema sanitario nazionale, con interi centri ospedalieri (anche d'eccellenza) che stanno per chiudere o sono in pericolo di cessare le attività. Anche il famoso San Filippo Neri di Roma rischia di chiudere i battenti. Durante un'assemblea del personale della struttura è stato il senatore Ignazio Marino a bollare questa eventualità: "L' ipotesi di chiusura del San Filippo Neri è un chiaro attacco alla Sanità pubblica e fa immaginare un vero e proprio disegno di smantellamento del Servizio Sanitario Nazionale". Ignazio Marino spiega le sue ragioni: "In un territorio ricco di ospedali classificati e case di cura private accreditate chiudere il San Filippo Neri dopo i grossi investimenti fatti, non mi sembra ragionevole. La minacciata disattivazione riguarda inoltre un nosocomio in cui pazienti provengono per il 50% da fuori ASL e per il 10% da fuori Regione, mentre a tutt'oggi sono aperte altre piccole, ma costose, strutture dell'hinterland. Ad aggravare la situazione ci sarà già la chiusura dell'ospedale di Bracciano, che riverserà sul San Filippo Neri circa 30.000 accessi di pronto soccorso, privi di alcun riferimento". Ignazio Marino motiva le sue affermazioni con le stesse "ragioni" che, paradossalmente, sono care a Monti: "Le scelte sui tagli devono essere effettuate valutando rigorosamente le performance, e mi sembra quindi del tutto fuori luogo chiudere un ospedale con un tale patrimonio di professionalità e tecnologia, che andrebbe inevitabilmente disperso".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: