le notizie che fanno testo, dal 2010

Food transfer: ti offro un pranzo. A distanza

Un nuovo modo di esprimere stima amore o cultura. Nasce il "Food transfer", una cena o un pranzo in ristoranti "top" o addirittura uno chef a domicilio, nuova tendenza già prima di partire dal 2011.

Se prima ad una bella ragazza si usava inviare dei fiori, il romanticismo moderno impone di inviare uno chef a domicilio o un "voucher" per un ristorante magari prenotato dallo spasimante per farle gustare in anteprima le prelibatezze del paese d'origine.
Il nuovo modo di dire "ti amo" non è con i fiori ma con una bella cotoletta alla milanese o un piatto di lenticchie di Castelluccio di Norcia gentilmente offerti tramite l'innovativo "Food transfer" il modo di regalare pranzi (o cene o chef a domicilio) a distanza.
Questa è l'idea che si è fatta progetto e business che partirà nel 2011 in tutta Italia in 80 ristoranti prestigiosi al top della categoria, ma con l'obiettivo di estendere l'iniziativa a 9.000 esercizi in tutta Europa.
La formula "Food transfer" è stata inventata dai giovani imprenditori agricoli (Agia) aderenti alla Cia-Confederazione italiana agricoltori che hanno presentato "Food transfer" a Matera alla Festa nazionale dell'agricoltura, promossa dalla Cia.
Il "Food transfer" è infatti legato ai "principi che sono della sana alimentazione di altissima qualità, partendo dalla ricerca delle materie prime, prodotti fortemente legati al territorio circostante l'attività di ristorazione, quindi del cosiddetto approvvigionamento di 'prossimità' o di 'filiera ultra-corta', nel pieno rispetto della naturalità del territorio, riducendo al massimo la logistica dell'alimento e garantendo così i massimi livelli di freschezza" si legge in una nota della Cia.
Questa nuova iniziativa, che peraltro si muove in un segmento di mercato nuovo, potrebbe secondo i promotori "movimentare 150 milioni di euro all'anno, solo nel nostro Paese. Nella rete, esclusivamente i ristoranti che utilizzano materie prime di qualità e di 'prossimità' " ribadisce la Confederazione italiana agricoltori.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: