le notizie che fanno testo, dal 2010

Riforma costituzionale è legge: ora la parola passa ai cittadini. Referendum in autunno

Le riforme costituzionali sono ora legge. C'è stato infatti alla Camera il via libera definitivo al ddl Boschi, approvato con 361 voti favorevoli e 7 contrari poiché tutte le opposizioni non hanno partecipato alla votazione. "Ora la parola passa ai cittadini" ricorda Laura Boldrini pensando al referendum che si svolgerà in autunno.

Le riforme costituzionali sono ora legge. C'è stato infatti alla Camera il via libera definitivo al ddl Boschi, approvato con 361 voti favorevoli e 7 contrari poiché tutte le opposizioni non hanno partecipato alla votazione (il M5S ha rinunciato all'ostruzionismo) che modifica il Senato e il Titolo V della Carta. Non avendo ottenuto quindi la maggioranza di due terzi dei componenti di ciascuna Camera, la legge sulle riforme costituzionali sarà oggetto di un referendum. "Ora la parola passa ai cittadini che, con il referendum del prossimo autunno, esprimeranno la loro opinione sulla riforma della Costituzione" dichiara anche la presidente della Camera Laura Boldrini, auspicando "un'informazione puntuale sul contenuto del referendum nell'interesse della democrazia italiana". "Per fortuna il popolo avrà diritto di dire 'no'. Questo articolo, il 138 della Costituzione che prevede il referendum, è stato davvero una saggia uscita d'emergenza voluta dai padri costituenti" osserva invece Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia a Montecitorio.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: