le notizie che fanno testo, dal 2010

Riforma PA Madia, Italia Nostra: silenzio assenso è minaccia per l'ambiente

La riforma della Pubblica amministrazione (ddl Madia) prosegue il suo iter in Senato, dove sta per approdare la norma (articolo 3, comma 3) "Silenzio-assenso tra amministrazioni". L'associazione Italia Nostra avverte che la norma "costituisce una minaccia per l'ambiente, il paesaggio, i beni culturali e la salute di cittadini" e chiede ai senatori di non approvarla perché ci riporterebbe "indietro di decenni".

Dopo il primo sì in Commissione Affari costituzionali del Senato, la riforma della Pubblica amministrazione procede il suo iter in Aula. Proprio per questo Italia Nostra (Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale) chiede ai senatori "di non approvare la norma che, sotto il titolo 'Silenzio-assenso tra amministrazioni' (articolo 3, comma 3) produce l'effetto di equiparare il silenzio dell'amministrazione preposta alla tutela del paesaggio, dei beni culturali e dell'ambiente a un atto di assenso". Attraverso un comunicato stampa, Italia Nostra avverte infatti che "l'art. 3 del ddl (1577) Madia sulla riorganizzazione delle Pubbliche Amministrazioni costituisce una minaccia per l'ambiente, il paesaggio, i beni culturali e la salute di cittadini". La norma in questione approderà da domani a Palazzo Madama ed al comma 3 viene dettata "la disciplina applicabile alle amministrazioni preposte alla tutela ambientale, paesaggistico-territoriale, dei beni culturali e della salute dei cittadini, prevedendo termini più lunghi" ed estendendo "il meccanismo del silenzio assenso anche a accordi per amministrazioni diverse da quelle statali" evidenzia Italia Nostra.

L'associazione sottolinea inoltre che "con questa norma, inoltre, l'Italia rischierebbe l'ennesima procedura di infrazione - molto onerosa per le casse dello Stato - da parte della Commissione europea che, sulla questione, ha già aperto un'inchiesta e sollecitato il governo italiano a fornire informazioni supplementari sulle norme relative alle procedure di Valutazione di Incidenza Ambientale (Vinca)". Italia Nostra ricorda che "lo scorso anno la Commissione europea è intervenuta aprendo una procedura di pre-infrazione (EU-Pilot) dopo molteplici esposti riguardanti la procedura di Valutazione di Incidenza Ambientale obbligatoria per piani e progetti che possono incidere sui siti Natura 2000 di Interesse Comunitari e sulle Zone di Protezione Speciale", precisando che "la lettera di fine marzo 2015 evidenzia come la Commissione ritenga che in Italia «vi sia un problema di natura sistematica nell'applicazione delle disposizioni di cui all'Art.6 commi 2, 3 e 4 della Direttiva Habitat» (quelli che impongono la Valutazione di Incidenza Ambientale) suggerendo di mettere in atto adeguati strumenti per rimediare a tali problematiche e alle cause all'origine delle stesse» pena l'avvio della procedura d'infrazione".

Nonostante questo, nel ddl Madia che riforma la PA all'articolo 3 viene prevista l'introduzione del silenzio assenso che "provocherebbe, al contrario, un grave indebolimento della tutela dell'ambiente, dei beni culturali e del paesaggio, diritto sancito dall'articolo 9 della Costituzione" aggiunge Italia Nostra. L'associazione si appella quindi ai senatori (di ogni partito) affinché non venga approvato questo articolo del ddl Madia perché ci riporterebbe "indietro di decenni lasciando le mani libere a quanti hanno solo a cuore l'aggressione all'ambiente e alle sue risorse". Italia Nostra trova infatti "allarmanti" le parole del senatore PD Giorgio Pagliari che, commentando l'articolo da introdurre nella riforma della PA, ammette che è stato pensato "per favorire la predisposizione di una nuova disciplina delle attività che i soggetti privati possono iniziare immediatamente, senza la preventiva autorizzazione dei pubblici poteri". L'associazione si domanda qunque se "anche questa legge risponda alle pressioni e alle richieste di quella piccola parte di cittadini insofferente a ogni sacrosanta regola di adeguato controllo per le attività costruttive?".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: