le notizie che fanno testo, dal 2010

Goletta Verde, Vaccari (PD): plastica in mare è emergenza, ma risposte ci sono

"L'inquinamento marino da parte dei rifiuti galleggianti, adagiati sulle spiagge e sui fondali e anche quelli ormai invisibili frammenti, dei quali la maggioranza di plastica, è un'emergenza assoluta, come registra oggi la Goletta Verde di Legambiente, in una ricerca inedita svolta in collaborazione con Ispra durata le ultime due stagioni estive", spiega in un comunicato il senatore dem Stefano Vaccari.

"L'inquinamento marino da parte dei rifiuti galleggianti, adagiati sulle spiagge e sui fondali e anche quelli ormai invisibili frammenti, dei quali la maggioranza di plastica, è un'emergenza assoluta, come registra oggi la Goletta Verde di Legambiente, in una ricerca inedita svolta in collaborazione con Ispra durata le ultime due stagioni estive" denuncia Stefano Vaccari, senatore del PD.
"L'origine dei rifiuti - spiega infatti il segretario della Commissione Ambiente - è soprattutto urbana e domestica, poi industriale, quindi della pesca, e non risparmia nessun paradiso del nostro mare e ovviamente le foci dei due principali fiumi italiani, Po e Tevere. I dati ci consegnano un quadro preoccupante, ma una consapevolezza nuova sugli impegni presenti e futuri, a partire dall'attuazione della Direttiva sulla Marine Strategy, ben avviata dal Ministero dell'Ambiente, ad alcune importanti soluzioni già inserite nell'eco-collegato, ora all'esame della Camera, come la 'crescita blu' per la nuova Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile".
L'esponente dem prosegue sottolineando: "La dispersione in mare dei rifiuti di plastica urbani e domestici si combatte con la prevenzione nella produzione dei rifiuti, con il sostegno e incentivo alla raccolta differenziata, con penalità sulle discariche, e con maggiori controlli all'uso illegale degli shopper di plastica non compostabile, vietati gia da alcuni anni. - aggiungendo - Nel collegato ambientale è prevista inoltre la possibilità di individuare aree nei porti in cui raggruppare i rifiuti raccolti durante la pesca, con un'opera anche di sensibilizzazione. Abbiamo infine introdotto, per i Comuni che ricomprendono le isole minori, un contributo di sbarco da finalizzare ad una migliore gestione dei rifiuti nei periodi estivi, in un'ottica di differenziazione, recupero e riciclo. Per non parlare degli incentivi alle imprese che scelgono l'Economia circolare per ricoverntire cicli produttivi, ridurre ulteriormente i rifiuti e a considerarli nuova materia".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: