le notizie che fanno testo, dal 2010

Roma: non registrava compravendite, sequestrano Compro Oro

"I Carabinieri della Stazione Roma Vittorio Veneto hanno sequestrato un negozio 'compro oro' di via Farini, nel quartiere Monti, denunciando, per ricettazione in concorso, il titolare dell'attività ed altre tre persone", riporta in un comunicato la Benemerita.

"I Carabinieri della Stazione Roma Vittorio Veneto hanno sequestrato un negozio 'compro oro' di via Farini, nel quartiere Monti, denunciando, per ricettazione in concorso, il titolare dell'attività ed altre tre persone. - illustra in una nota l'Arma - I militari hanno seguito i movimenti di un nomade 40enne, già noto alle forze dell'ordine, che in compagnia della moglie e della figlia, rispettivamente di 44 e 23 anni, si aggirava con fare sospetto nel centro della Capitale."
"Quando i tre sono entrati nel negozio di compro oro i Carabinieri li hanno attesi fuori e una volta usciti li hanno controllati. In particolare l'uomo in tasca aveva 11 mila euro e 2 mila franchi svizzeri in contanti - viene specificato quindi dalla Benemerita -, che ha spiegato essere in parte provento di una vendita di 7 monete in oro, appena effettuata, senza però saperne giustificare la provenienza."
"A quel punto i Carabinieri hanno deciso di estendere i controlli anche all'attività - scrivono inoltre i militari -, dove è emerso che il titolare, un 25enne romano, nel corso della stessa giornata, aveva effettuato varie operazioni di acquisto di preziosi, per un valore complessivo di circa 100 mila euro, omettendone la prevista registrazione."
I militi sottolineano in ultimo: "Il titolare è stato così denunciato unitamente alla famiglia di nomadi. Il negozio e tutti i gioielli e preziosi di dubbia provenienza presenti all'interno sono stati sequestrati. I Carabinieri chiederanno inoltre la revoca della licenza dell'attività di compro oro. Il 40enne nomade è stato anche sottoposto a fermo di indiziato di delitto ed associato preso la casa circondariale di Roma 'Regina Coeli', a disposizione dell'Autorità Giudiziaria. Proseguono le indagini dei Carabinieri per accertare la provenienza dei soldi e degli oggetti preziosi rinvenuti."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: