le notizie che fanno testo, dal 2010

Referendum: Scozia rimane suddito della Regina Elisabetta

Gli scozzesi contineranno a rimanere sudditi della Regina Elisabetta. Il referendum sull'indipendenza della Scozia si è chiuso infatti con il 55,3% dei no contro il 44,7% dei sì. David Cameron: è giunto il momento per il Regno Unito "di andare avanti".

Alla fine, la maggioranza degli scozzesi ha deciso di rimanere sotto il Regno d'Inghilterra. Il referendum sull'indipendenza della Scozia si è chiuso infatti con il 55,3% dei no contro il 44,7% dei sì. Gli osservatori russi, che prima del voto nutrivano "sospetti" sul metodo utilizzato, sottolineano che la sconfitta degli indipendentisti è da imputare anche al fatto che negli ultimi giorni di campagna elettorale, la Scozia si è trovara molto "sotto pressione", anche a causa della forte "propaganda Westminster". Il leader del Partito Nazionale Scozzese nonchépremier della Scozia, Alex Salmond, ha però ammesso la sconfitta degli indipendentisti, avvertendo l'Inghilterra che non verranno comunque ammessi ritardi in merito a quel trasferimento di poteri promessi da David Cameron alla Scozia. Alex Salmond ha quindi annunciato che non correrà per la riconferma come leader del SNP nella annuale conferenza di novembre e che successivamente si dimetterà dall'incarico di primo ministro. In attesa del messaggio della Regina Elisabetta ai suoi ancora sudditi scozzesi, il premier inglese Cameron ha quindi spiegato che ora che il referendum si è concluso è giunto il momento per il Regno Unito "di andare avanti".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: