le notizie che fanno testo, dal 2010

Referendum, Renzi: astensione sacrosanta. Presidente Consulta: no, si deve votare

"La pozione dell'astensione al referendum è una posizione sacrosanta e legittima" ha affermato pochi giorni fa Matteo Renzi. Non dello stesso avviso il presidente della Corte Costituzionale Paolo Grossi che chiarisce: "Si deve votare. Fa parte della carta d'identità del buon cittadino".

"La pozione dell'astensione al referendum è una posizione sacrosanta e legittima" ha affermato pochi giorni fa Matteo Renzi, premier e segretario del PD che invita i suoi elettori a non recarsi alle urne il 17 aprile, quando si voterà il referendum sulle trivellazioni.
Non la pensa allo stesso modo il presidente della Corte Costituzionale Paolo Grossi che, in occasione della presentazione della relazione sulle attività 2015 della Consulata, precisa: "Si deve votare: ogni cittadino è libero di farlo nel modo in cui ritiene giusto. Ma credo si debba partecipare al voto: significa essere pienamente cittadini. Fa parte della carta d'identità del buon cittadino".
Andare a votare al referendum con è quindi "inutile" come sta cercando di far credere il Partito Democratico e il suo leader ma anzi è un "dovere civico" come ha ricordato oggi il presidente della Consumta e come sancisce l'articolo 48 della nostra Costituzione.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: