le notizie che fanno testo, dal 2010

Gravina di Catania: rapinarono anziana 82enne, arrestati

"I Carabinieri della Compagnia di Gravina di Catania hanno arrestato un 30enne, serbo, ed un 22enne, catanese, già agli arresti domiciliari per rapina aggravata, reato commesso intorno alle 21:30 del 19 marzo scorso a Gravina di Catania", riferiscono in un comunicato i militi.

"I Carabinieri della Compagnia di Gravina di Catania hanno arrestato un 30enne, serbo, ed un 22enne, catanese, già agli arresti domiciliari, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Catania. Il giudice, concordando appieno con le risultanze investigative fornite dai Carabinieri, a conclusione di un'articolata attività investigativa, ha ritenuto i predetti responsabili del concorso in rapina aggravata, reato commesso intorno alle 21:30 del 19 marzo scorso a Gravina di Catania" viene riportato in una nota dell'Arma.
"In quella circostanza - si informa dunque dalla Benemerita -, quattro individui, dopo aver forzato la porta d'ingresso, entrarono all'interno di un'abitazione e sotto la minaccia di un cacciavite rapinarono una anziana donna di 82 anni, sottraendole un borsello contenente 50 euro e vari preziosi. I malviventi, durante la fuga, furono affrontati nelle scale dello stabile da un poliziotto fuori servizio che, richiamato dalle urla della vittima, tentò di fermarli ingaggiando con il quartetto una breve colluttazione che, in ogni modo, non ne impedì la fuga a bordo di un SUV."
"Ad incastrare i malviventi l'acume degli investigatori dell'Arma che quella sera stessa riuscirono ad elaborare, anche se parzialmente, il numero di targa del SUV utilizzato per la rapina ritrovandolo parcheggiato a San Cristoforo. Accertando il proprietario della macchina, la compagna del 30enne, e tracciando il percorso del GPS montato sull'auto, si identificava il primo criminale. Attraverso l'analisi dei tabulati del numero mobile a lui in uso, si risalì all'identità del complice, il 22enne, che, successivamente, sarebbe stato riconosciuto in foto, insieme al serbo, da alcuni testimoni che li avevano visti fuggire dalla casa della pensionata. Gli arrestati sono stati rinchiusi nel carcere di Catania Piazza Lanza" continuano in conclusione i Carabinieri.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: