le notizie che fanno testo, dal 2010

Altamura: tentarono rapina in gioielleria con spray urticante, due arresti

"Hanno tentato un colpo in una gioielleria nel centro di Altamura, minacciando il titolare prima con una pistola e poi spruzzandogli sul volto dello spray urticante. Ma la reazione della vittima prima e l'arrivo di clienti poi, hanno fatto sì che i due si dessero alla fuga a mani vuote", segnalano in una nota i Carabinieri.

"Hanno tentato un colpo in una gioielleria nel centro di Altamura, minacciando il titolare prima con una pistola e poi spruzzandogli sul volto dello spray urticante. Ma la reazione della vittima prima e l'arrivo di clienti poi, hanno fatto sì che i due si dessero alla fuga a mani vuote" espongono in un comunicato i Carabinieri.
"Così lo scorso 21 marzo, a tre mesi di distanza, i Carabinieri della Compagnia di Altamura hanno arrestato un 24enne di San Severo (Foggia), in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Bari, su richiesta della Procura della Repubblica. L'altra mattina, invece, a seguito delle pressanti ricerche, un 20enne, anch'egli di San Severo, si è costituito presso il carcere di Larino. I due sono ritenuti responsabili - in concorso - di tentata rapina aggravata, porto abusivo di arma da fuoco e lesioni personali. I fatti risalgono ad una mattina del dicembre scorso, quando due individui, a volto scoperto, sono entrati in una gioielleria di corso Federico II di Svevia ed hanno manifestato al titolare l'intenzione di vedere dei solitari. Per questo motivo il commerciante si è portato nella parte posteriore del negozio, tuttavia senza rendersi conto di essere stato seguito da uno dei due, mentre il complice, nel frattempo, è rimasto solo sul davanti. Raggiunto il retro del negozio, il rapinatore ha puntato contro il commerciante una pistola, cogliendolo di sorpresa. All'istintiva reazione del negoziante di allontanare l'arma, il giovane lo ha afferrato per un braccio e lo ha scaraventato per terra, colpendolo ripetutamente al capo e al volto, anche con la pistola. Sebbene il malcapitato fosse a terra e stordito, il rapinatore non ha esitato a continuare nel percuoterlo, sino a spruzzargli in volto uno spray, che provocava nella vittima un forte bruciore agli occhi e la momentanea perdita della vista. Solo lo squillo del campanello della porta d'ingresso del locale da parte di una cliente che voleva entrare ha fatto sì che il malvivente desistesse dall'aggredirlo e guadagnasse la fuga, seguito dal complice" prosegue la Benemerita.
"Le indagini compiute dai Carabinieri recatisi poco dopo sul luogo della rapina, basate principalmente sull'analisi delle immagini impresse nelle telecamere di sorveglianza del negozio, oltre a consentire di verificare la corrispondenza della dinamica della rapina alla descrizione fatta dalla vittima, hanno permesso di giungere all'individuazione dei responsabili, riconosciuti da personale dell'Arma di San Severo, cui, tra gli altri, i militari di Altamura avevano diramato i fotogrammi salienti della rapina, ritraenti, in maniera nitida, i volti dei rapinatori. Il quadro probatorio, così presentato all'Autorità Giudiziaria barese, ha permesso a quest'ultima di spiccare i provvedimenti cautelari notificati ai due rapinatori" evidenziano in ultimo i militi.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: