le notizie che fanno testo, dal 2010

Rossella Urru: riscatto di 30 milioni euro. Farnesina non commenta

Sarebbe stato chiesto un riscatto di 30 milioni di euro per la liberazione di Rossella Urru, cooperante sarda del CISP rapita 6 mesi fa in Algeria. Il riscatto varrebbe anche per Ainhoa Fernandez de Rincon ma non per Enric Gonyalons, sequestrati con Rossella Urru.

Sarebbe stato chiesto un riscatto di "30 milioni di euro" per la liberazione della cooperante sarda Rossella Urru, rapita dal Movimento per l'Unicità e la Jihad in Africa Occidentale (Mujao) nella notte tra il 22 e il 23 ottobre da un campo profughi del Sarawi, nel sud dell'Algeria, dove dirigeva un programma di cooperazione internazionale con il CISP (Comitato Italiano Sviluppo dei Popoli).
Il Movimento per l'Unicità e la Jihad in Africa Occidentale è sorto da una scissione di al-Qaeda nel Maghreb islamico (Aqmi), che ne aveva rivendicato il rapimento.
La notizia in esclusiva è stata lanciata da France Presse, mentre le Farnesina "non commenta e mantiene il più stretto riserbo" come "in tutti casi di sequestro", precisa.
Un portavoce dell'Mujao, Adnan Abu Walid Sahraui, avrebbe specificato all'agenzia di stampa Afp che "i negoziati riguardano soltanto la donna ostaggio italiana e la donna ostaggio spagnola". La donna spagnola a cui fanno riferimento i rapitori di Rossella Urru dovrebbe essere Ainhoa Fernandez de Rincon, dell'Asociacion de Amigos del Pueblo Saharawi de Extremadura, sequestrata insieme alla cooperante sarda, originaria di Samugheo (Oristano) e ad Enric Gonyalons, membro dell'Ong Mundobat. Non è chiaro perché i sequestratori esigano un riscatto di 30 milioni di euro solo per le due donne. Il Mujao chiede inoltre al governo di Madrid "di intervenire per la liberazione di due sahraui arrestati dalla Mauritania".
Rossella Urru, come gli altri due cooperanti spagnoli, è da ben 192 giorni nelle mani dei rapitori del Movimento unito per la jihad dell'Africa occidentale, mentre il 3 marzo scorso era trapelata la notizia della sua liberazione, smentita (http://is.gd/P5C8Pz) purtroppo però nel giro di poche ore.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: