le notizie che fanno testo, dal 2010

Rossella Urru liberata in cambio detenuto al-Qaeda. Manca conferma

Rossella Urru, la cooperante sarda di Samughego (Oristano) rapita il 23 ottobre nel sud dell'Algeria è stata liberata. E' questa la notizia che circola, anche se manca ancora la conferma ufficiale da parte della Farnesina.

Rossella Urru finalmente libera. E' questa la tanto attesa notizia che arriva nella tarda mattinata di oggi, circolata dapprima sul sito mauritano "Sahara media" e diffusasi immediatamente su Twitter, che spesso aveva tra gli hashtag più visti proprio quello dedicato alla cooperante di 29 anni, sarda originaria di Samughego, in provincia di Oristano, rapita il 23 ottobre scorso in Algeria, insieme ad altri due cooperanti spagnoli.
E proprio dalla questura di Oristano arriva la prima conferma della liberazione di Rossella Urru, interpellata dall'Adnkronos, mentre la Farnesina con la sua unità di crisi sta ancora valutando l'attendibilità della notizia. La liberazione di Rossella Urru, infatti, sarebbe avvenuta a seguito di una trattativa portata avanti dalle autorità mauritane con i rapitori, che trattavano per la liberazione di un loro gente di polizia, Aal Ould al-Mukhtar, rapito da circa un mese nella in una caserma nel sud di Mali. Con il poliziotto, è stata liberata anche Rossella Urru, sembra in cambio di un detenuto salafita di al-Qaeda, visto che i rapitori della cooperante sarda che lavora per il Cisp, il comitato internazionale per lo sviluppo di popoli, farebbero parte di una branca Saharawi di Al-Qaeda del Maghreb. Ad essere liberato al posto di Rossella Urru e dell'agente di polizia mauritano il terrorista salafita al-Azawadi, noto anche come Abderrahmane Ben Meddou ma soprattutto perché giudicato come uno dei rapitori di un altro italiano, Sergio Cicala, che fu sequestrato con la moglie il 17 dicembre del 2009 nel deserto della Mauritania. Una volta arretato, al-Azawadi aveva confessato di essere stato assoldato da al-Qaida nel Maghreb islamico (Aqmi) per tenere sott'occhio la coppia di italiani.
Il sindaco del Comune di Samugheo, in provincia di Oristano, Antonello Demelas, si è recato presso l'abitazione della famiglia di Rossella Urru, che attende con ansia la conferma ufficiale da parte della Farnesina della liberazione della cooperante, anche se su Twitter orami la notizia è presa per certa, con Fiorello per primo che esulta di gioia, dopo che nei giorni scorsi aveva registato un video appello (http://is.gd/7UfGAD) per la liberazione di Rossella Urru.
Margherita Boniver, inviato speciale per le emergenze del ministro degli Esteri appena rientrata da una missione in Mauritania, precisa però all'Ansa che "fino a che la notizia della liberazione di Rossella Urru non sarà verificata essa va considerata come non veritiera".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: