le notizie che fanno testo, dal 2010

"Taci! Il nemico ti ascolta": MIT trasforma vibrazioni oggetti in parole

Il MIT ha sviluppato una tecnologia in grado di registrare le conversazioni tramite le minuscole vibrazioni che emettono oggetti inanimati, quali una busta delle patatine o una pianta in un vaso. Dal brevetto di Google per utilizzare i rumori di fondo captati dai microfoni dei suoi smartphone per inviare all'utente pubblicità mirata all'internet delle cose: quando lo slogan "Taci! Il nemico ti ascolta" da imperativo delle dittature si trasforma in un saggio motto di autodifesa.

Negli anni '70 girava la leggenda che la CIA ascoltasse le conversazioni all'interno di Botteghe Oscure a Roma (storica sede del Pci) semplicemente puntando un laser alle finestre del palazzo, riconvertendo i riflessi delle vibrazioni in frasi. Se ciò sia stato davvero possibile, non è ancora dato saperlo. Quel che è certo è che i ricercatori del MIT sembrano essersi ispirati a tali metodi di spionaggio da guerra fredda, visto che hanno annunciato di aver sviluppato una tecnologia in grado di registrare le conversazioni tramite le minuscole vibrazioni che emettono oggetti inanimati. Come viene mostrato in un video, la tecnologia studiata dal MIT consiste nel registrare tramite una videocamera gli impercettibili movimenti di un oggetto, come una busta delle patatine o di una pianta in un vaso, presente nella stanza che si vuol "spiare". Un software ideato dal MIT sarebbe quindi in grado di convertire tali vibrazioni captate dall'oggetto nel suono presente nella stanza, comprese parole e frasi. "Attraverso questo algoritmo siamo in grado di trasformare gli oggetti quotidiani in microfoni" afferma l'autore principale di questa invenzione, Abe Davis. Tale tecnologia, ovviamente, apre a scenari inquietanti se si pensa per esempio al fatto che ormai le telecamere sono piazzate in ogni angolo di strada. Se finora in gioco c'era "solo" la privacy cinetica delle persone, ora a rischio sono anche le conversazioni private.

Non può che far riflettere per esempio che Google ha fatto domanda di brevetto per utilizzare i rumori di fondo captati dai microfoni dei suoi smartphone per inviare all'utente pubblicità mirata. Nel marzo del 2012 il Daily Mail riportava infatti la notizia che Google aveva depositato un brevetto dal nome eloquente "Pubblicità in base alle condizioni ambientali" (Advertising based on environmental conditions). In realtà, Google non utilizzerebbe solo i suoni "rubati" dal microfono dello smrtphone ma addirittura "la temperatura, l'umidità, la luce e la composizione dell'aria". L'applicazione permetterebbe infatti agli inserzionisti di Google di "specificare che gli annunci siano visualizzati solo per quegli utenti le cui condizioni ambientali soddisfano determinati criteri", per esempio "la pubblicità per i condizionatori d'aria saranno visualizzate da utenti situati in regioni con alte temperature mentre apparirà uno spot di cappotti se il clima dove si trova l'utente è freddo". All'epoca, un portavoce di Google aveva specificato che il colosso di Mountain View "deposita molte domande di brevetto ma non tutte le idee diventano poi nella realtà prodotti o servizi".

L'ex direttore della CIA, David Petraeus, aveva anche lodato lo sviluppo di queste nuove tecnologie poiché andrebbero ad aprire un mondo di nuove opportunità per "gli 007", aggiungendo che l'emergere di dispositivi "intelligenti" cambierebbe "le nozioni di segretezza", consentendo alle autorità di monitorare gli individui direttamente attraverso i loro elettrodomestici. Elettrodomestici che sempre di più faranno parte della cosiddetta "internet delle cose", ovvero la domotica declinata sulla rete dove anche il frullatore avrà la possibilità di "sparlare" del frigorifero (a cui mancano le uova) direttamente sullo smartphone del proprietario. In alcune strade degli Stati Uniti, come quelle di Las Vegas, di "intelligenti" sarebbero già stati installati dei lampioni al LED che avrebbero però anche la capacità di "analizzare le voci e tracciare il passaggio delle persone", inviando dati ad una centrale attraverso una connessione wi-fi onnipresente. Se questa è la tendenza del Mondo Nuovo paradossalmente lo slogan "Taci! Il nemico ti ascolta" da imperativo delle dittature si trasformerà in un saggio motto di autodifesa per quei cittadini che vogliono ancora sentirsi liberi, e umani.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: