le notizie che fanno testo, dal 2010

Ricercatori precari si incatenato al MIUR contro Valeria Fedeli, dice USB

L'Unione Sindacale di Base sugli 8800 precari del CNR.

"Dopo 51 giorni di occupazione e innumerevoli iniziative, da ultimo la contestazione al sindaco PD di Pisa, i precari del CNR, alcuni dei quali a pochi giorni dal licenziamento, hanno deciso di incatenarsi al MIUR per protestare contro il Ministro Fedeli, unico Ministro vigilante a non aver stanziato risorse per la stabilizzazione dei precari dei propri enti di ricerca" viene riferito in una nota dall'USB.

L'organizzazione sindacale sottolinea: "Svelata la farsa del balletto sui numeri, ormai è acclarato che si parla di 8800 precari, è apparsa evidente la mancanza di volontà politica del Ministro e del Presidente del CNR di non voler portare a stabilizzazione tutti i precari per mantenere una situazione di fatto che favorisce sfruttamento e clientelismo. Volontà che invece c'è stata quando si è trattato di trovare risorse per aumenti stratosferici per i presidi e per risarcire i docenti universitari del blocco contrattuale".

"Le risorse ci sono, ma la Fedeli e il PD evidentemente hanno scelto di tenersi buone le caste e di buttare a mare competenze e professionalità. - viene denunciato - Se così non è allora ci aspettiamo che vengano approvati emendamenti alla legge di bilancio con le risorse necessarie a stabilizzare tutti i precari della Ricerca, altrimenti sarà confermata la scelta politica di questo Governo, ed in particolare della Fedeli, di far affogare definitivamente la Ricerca Pubblica e con essa gli 8800 lavoratori precari".

© riproduzione riservata | online: | update: 14/12/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Ricercatori precari si incatenato al MIUR contro Valeria Fedeli, dice USB
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI