le notizie che fanno testo, dal 2010

Precari sanità: stabilizzazione 35.000 persone con un concorso

Il governo Letta pensa anche ai precari della pubblica amministrazione del comparto sanità, annunciando che sarà emanato a breve un decreto atto a stabilizzare, attraverso concorsi specifici, circa 35.000 persone tra medici, personale infermieristico, tecnici e altre figure professionali.

Il governo Letta pensa anche ai precari della pubblica amministrazione del comparto sanità. Nella nota stampa di Palazzo Chigi diramata dopo il Consiglio dei ministri che ha adottato un decreto legge recante disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni, si specifica infatti che "per quanto riguarda il comparto sanità, tramite un decreto da adottare entro tre mesi dall'entrata in vigore del decreto legge, su proposta del Ministro della Salute, sarà possibile stabilizzare, attraverso procedure concorsuali specifiche, circa 35.000 persone tra medici, personale infermieristico, tecnici e altre figure professionali", chiarendo che "il contenuto del decreto sarà condiviso con le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano, al fine di accelerare il percorso attuativo di competenza di queste ultime". Alla nota del governo, fa seguito anche un comunicato del ministro della Salute Beatrice Lorenzin, dove sottolinea: "Già dall'illustrazione delle linee guida del Ministero alle commissioni di Camera e Senato ho raccolto e sostenuto l'esigenza pervenuta dalle Regioni, dagli operatori sanitari, così come dalle associazioni per la tutela dei diritti dei pazienti, di dare certezza in ordine alla continuità e qualità del servizio sanitario erogato e del rispetto dei parametri dei Livelli Essenziali di Assistenza. - aggiungendo - Ringrazio il ministro D'Alia che ha riconosciuto la pressante esigenza e la peculiarità del settore e ritengo quello compiuto un passaggio fondamentale per il futuro dell'intero sistema".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: