le notizie che fanno testo, dal 2010

Lusi: Senato autorizza arresto. Ex tesoriere Margherita si costituisce

Il Senato, con voto palese, autorizza l'arresto per Luigi Lusi, ex tesoriere della Margherita. Nel corso del suo intervento in aula ricorda che "non è credibile ma non sarebbe nemmeno materialmente realizzabile" l'aver autorizzato da solo tutte le transazioni.

Ieri sera il Senato ha autorizzato, con voto palese, l'autorizzazione all'arresto per Luigi Lusi, ex tesoriere della Margherita, come richiesto dalla Procura di Roma.
Luigi Lusi, subito dopo il voto, si è costituito nel carcere di Rebibbia, dove ha atteso la notifica dell'ordinanza di arresto per associazione a delinquere finalizzata all'appropriazione indebita.
"Sono una persona che sta vivendo un incubo", commenta Lusi dopo aver appreso il verdetto dei colleghi senatori.
Il Pdl ha deciso di non partecipare alla votazione, così come il leader dell'Api Francesco Rutelli, perché parte offesa nel processo.
Prima del voto, Luigi Lusi parla di fronte all'Assemblea del Senato spiegando di non volersi sottrarre alle sue "responsabilità e al processo", ricordando però: "Mi si vuole mandare in carcere perché, parlando con i media, inquinerei il percorso investigativo. Non c'è altra motivazione".
Ma Luigi Lusi precisa anche che "non solo non è credibile ma non sarebbe nemmeno materialmente realizzabile che sarebbe stato solo il tesoriere ad autorizzare fatture per il Centro per un futuro sostenibile (la fondazione di Rutelli, ndr) - domandando retoricamente ancora - Ma è credibile che siano state sottratte fraudolentemente ingenti quantità di risorse usando per circa 90 volte il bonifico bancario, lo strumento più tracciabile?".
L'ex tesoriere della Margherita ribadisce quindi la non correttezza di dover diventare "il capro espiatorio" dei "forconi della piazza" e "il colpevole per tutte le stagioni dentro una vicenda che è pluridecennale".
Infine, Luigi Lusi conclude: "In un momento difficilissimo di crisi finanziaria sento il dovere di pronunciare parole di scuse personali, consapevole della necessità di un gesto di riparazione".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# carcere# crisi# Francesco Rutelli# Rebibbia# Roma# Senato