le notizie che fanno testo, dal 2010

Lusi: Giunta immunità dà ok ad arresto. Ma in Senato voto non scontato

La Giunta per le immunità di Palazzo Madama ha dato parere favorevole alla richiesta d'arresto per l'ex tesoriere della Margherita Luigi Lusi. Ma in Senato il voto è tutt'altro che scontato.

Dopo che il Senato, il 6 giugno scorso, ha respinto attraverso scrutinio segreto la richiesta dei pm che chiedevano gli arresti domiciliari per il senatore del Pdl Sergio De Gregorio, coinvolto nell'inchiesta sul faccendiere Valter Lavitola, oggi la Giunta per le immunità di Palazzo Madama ha votato affinché sia concessa in Aula l'autorizzazione all'arresto per l'ex tesoriere della Margherita Luigi Lusi.
In Giunta a votare per l'arresto di Lusi sono stati gli esponenti del PD, dell'Udc, della Lega Nord, dell'IdV e di Api-Fli.
Maurizio Gasparri e Gaetano Quagliariello del Pdl, in una nota congiunta, fanno sapere che comunque, "indipendentemente dal pronunciamento della Giunta per le Immunità, in aula indicheremo ai senatori del Pdl di esprimere il proprio voto in base alla libera coscienza personale".
In Senato, quindi, ci potrebbero essere sorprese, e il risultato della votazione potrebbe essere tutt'altro che scontato, visto che anche per il senatore Sergio De Gregorio la Giunta per le immunità aveva dato parere favorevole agli arresti domiciliari mentre in Aula il risultato è stato alla fine ben diverso. Lo stesso De Gregorio aveva annunciato che voterà contro l'arresto di Lusi.
La votazione della Giunta, comunque, non ha colto alla sprovvista Luigi Lusi, che sottolinea come questo fosse "un esito atteso" e annuncia che interverrà in Aula al Senato prima della votazione perché in caso contrario sarebbe "un incosciente".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: